Trump pronto all'accordo con la Cina, borse euforiche

Regolare Commento Stampare

Per questo, avrebbe chiesto la preparazione di una bozza con i potenziali termini di intesa, secondo quattro fonti di Bloomberg News; le indiscrezioni su una possibile tregua tra i due Paesi hanno influito sui rialzi odierni delle Borse asiatiche. Dopo il disgelo tra Trump e Xi, tra USA e Cina, anche Milano comincia a sortirne gli effetti positivi. Tutto fa pensare in un summit formale a latere del vertice del G20 previsto per la fine del mese che potrebbe chiudere la guerra commerciale tra le due maggiori economie mondiali. I due leader hanno concordato di "rafforzare gli scambi economici", ha detto in conferenza stampa il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Lu Kang, senza però dare indicazioni sul possibile sblocco e avanzamento dei negoziati riguardo una soluzione che possa accantonare l'escalation dei dazi sulle rispettive importazioni.

"Un leader capriccioso e pasticcione", così è stato definito Donald Trump da Yu Yongding, influente accademico cinese, poiché ha iniziato una guerra commerciale che non può vincere. I mercati guardano con uno sguardo positivo alle dichiarazioni del presidente americano Donald Trump che, con un tweet, ha indicato progressi nelle trattative commerciali con la Cina.

Una telefonata estremamente positiva. Ma, oltre al nodo dello sviluppo della tecnologia cinese, resterebbero sul tavolo altri aspetti strategici: il ruolo di Taiwan, il Mar della Cina meridionale e la corsa agli armamenti. Tuttavia, molti investitori a Wall Street restano scettici, sostiene la Cnbc, perche' si tratterebbe solo di una mossa elettorale di Trump, a quattro giorni dalle elezioni di meta' mandato.