Lucano: ‘Legalita’? Anche i nazisti avevano leggi’

Regolare Commento Stampare

"Abbiamo più volte invitato i rappresentanti del governo, qualora decidessero di venire saranno i benvenuti", ha poi concluso. Poi inizia il racconto dello sbarco dei migranti.

Il caso Riace non si discuterà al Parlamento Europeo di Strasburgo.

"Negli ultimi due anni però c'è stato un forte condizionamento e sono calati, ma nel 2015 su 1.600 abitanti avevamo circa 700 cittadini immigrati". Dopo l'intervista a Repubblica, dove ha affermato che la "la proprietà privata a Riace non serve", ieri sera Lucano è stato ospite da Fabio Fazio a Che Tempo che Fa.

"Fazio stasera inviterà il sindaco di Riace nella sua trasmissione?".

Ribadiamo la nostra vicinanza e il nostro sostegno a tutti gli amministratori che praticano l'accoglienza diffusa e al servizio pubblico che ha tra i suoi doveri quello di dare spazio ad una pluralità di opinioni e che viene messo sotto attacco quando prova a svolgere il suo compito democratico. Arrestato per aver tentato di esser umano in un momento storico in cui si cerca di convincere gli italiani della bontà del modello Ku Klux Klan, il terribile e temibile sovvertitore dell'ordine costituito è apparso in tutta la sua pericolosità, rappresentata non da rivalsa, minacce, ricatti, proteste o sommosse, ma dal fatto di ricordare, con semplicità e umiltà, che da parte degli esseri umani esiste anche la possibilità, se non la necessità, di aiutare gli altri, solo per essere ripagati dalla soddisfazione di fare del bene, senza ricevere alcun compenso.

"Ho voluto far passare un messaggio: la giustizia ha un valore molto più profondo". E poco importa che si tratti di politica o spettacolo.

Riace "dimostra che ci può essere anche un'altra realtà - ha aggiunto - alla parola migrazione si associano spesso problemi e si costruisce una propaganda elettorale". "E se è possibile a Riace, è possibile ovunque", aggiunge Lucano. Non ha mai pensato era meglio non farlo? Quando si ha un ideale, trovi dentro una forma di entusiasmo, si superano i momenti di sconforto. Un po' di verve l'ha persa nel corso degli anni, ma adesso è una signora matura che piace a grandi e piccini. Lucano spiega: "Voglio tornare a Riace il più presto possibile". Il Lucano che raccontano non esiste: "mi chiamo Mimì, non Mimmo". "Ci sono fondazioni che si sono fatte avanti offrendo aiuti e soldi".