Manovra, Conte: fiducioso, ma lasciateci confrontare con Ue

Regolare Commento Stampare

Il premier Giuseppe Conte, a Bologna per partecipare all'iniziativa 'Io non rischio', risponde a una domanda sul caso Cucchi sottolineando la necessità individuare responsabilità individuali.

"Dobbiamo trovarla assolutamente, se no non potremmo definire e poi deliberare tutti questi provvedimenti importanti, sia per quanto riguarda il decreto fiscale che il disegno di legge sul bilancio", rassicura da un palco non casuale, la Scuola di formazione politica del Carroccio a Milano.

Il presidente del Consiglio ha rivelato di aver parlato nei giorni scorsi, tra gli altri, con la cancelliera tedesca Angela Merkel e di aver fissato un bilaterale prima del vertice europeo del 17 e 18 ottobre, e così annuncia di voler fare anche con Macron e gli altri leader.

Il Premier Conte, timidamente, prova ad aggiungere un tassello in più alla misura bandiera del M5s, il reddito di cittadinanza: "abbiamo studiato il sistema tedesco" dice Conte, "facendo tesoro anche di qualche inefficienza che si è manifestata in Germania". "Sicuramente ci riuniremo anche prima per concordare gli ultimi dettagli". Ma "dobbiamo ancora confrontarci con i nostri interlocutori europei" e quindi "lasciateci il tempo di poterlo fare". E spiega che attende di "poter discutere" i contenuti perché "con le istituzioni europee e interlocutori Ue non ci siamo ancora seduti ad un tavolo. Sono convinto di poterli persuadere".