Compaiono pesci nel Mar Morto. Incredibile, ma vero! Si teme la profezia

Regolare Commento Stampare

Il profeta aveva predetto che dei pesci sarebbero tornati a nuotare nel Mar Morto, sorto su una Terra resa arida dal Dio cristiano a seguito di una maledizione. Ma unicamente al sopraggiungere della fine del mondo, come da profezia di Ezechiele.

Sebbene tradizionalmente si ritenga che il Mar Morto non possa ospitare forme di vita, gli scatti del fotoreporter israeliano Noam Bedeim, racchiusi nel progetto fotografico 'Dead Sea Revival Project' mostrano una realtà differente: gli scatti in questione mostrano alcuni bacini di acqua dolce del Mar Morto nelle cui profondità (a circa 400 metri) di vedono dei pesci che nuotano.

In un'intervista dal vivo, il fotografo non dice da nessuna parte di aver avvistato e fotografato forme di vita nello specchio d'acqua più salato del mondo. Se non facciamo nulla entro i prossimi 80 anni, raggiungeremo il punto di non ritorno, quando il mare calerà, i minerali cristallizzeranno ma non affonderanno e l'ossigeno nell'aria sarà bloccato. Come conferma Bedein stesso. Punta, quindi, i riflettori sul fatto che il livello del mare si sta abbassando sempre di più, e che potrebbe anche scomparire del tutto. Continuando la nostra ricerca per immagini scopriamo in un sito di lingua polacca che rilancia la presunta scoperta, che esistono altri osservatori, i quali avrebbero visto questi pesci nel Mar Morto fin dal 2016, in particolare si cita una immigrata polacca in Israele, Samantha Siegel. Un fotoreporter israeliano, Noam Bedein, sostiene che il Mar Morto sia "tutt'altro che morto".

Pesci nel Mar Morto. Secondo la Bibbia, nell'antichità l'area era una delle più fertili della Terra ma il paesaggio cambiò con la distruzione di Sodoma e Gomorra e la conseguente trasformazione della valle in una terra desolata.

"In un luogo, che era stato maledetto ai tempi della Bibbia, ora si possono esplorare le doline e, dove l'acqua si è ritirata, vedere i pesci così come detto nella profezia di Ezechiele". Ma che cosa diceva esattamente la profezia di Ezechiele? Secondo Bedein, si tratterebbe della profezia di Ezechiele, miracolo biblico che accosta la presenza della vita in quelle zone alla fine del mondo.

Questo è indice dei cambiamenti climatici a cui è soggetto il mare il Mar Morto, che oggigiorno offre scenari spettacolari ai visitatori, grazie alle bellissime costruzioni di saline.

A tutto questo si aggiunge anche un messaggio volto a sensibilizzare l'opinione pubblica, infatti il Mar Morto perde ogni anno l'equivalente in acqua di 600 piscine olimpiche.