F1 | Briatore si schiera contro Vettel: "Ha commesso molti errori quest’anno"

Regolare Commento Stampare

Vettel, però, ha voluto mettere fine alla questione facendo sapere che la questione verrà risolta in privato: "Ne parlerò con lui in privato quando sarà il momento giusto, preferisco comportarmi così".

L'ex manager della Renault Flavio Briatore, quattro volte campione del mondo con Michael Schumacher e Fernando Alonso, intervenuto nel programma in podcast sul web di Nico Rosberg chiamato 'Beyond the Victory', non ha risparmiato le critiche nei confronti di Sebastian Vettel e della Ferrari, anche quest'anno a bocca asciutta.

"Credo che lo stress che i piloti hanno sia enrome".

"Ovviamente non lo sapremo mai, perché la mia macchina ha avuto dei danni e poi ero nel traffico".

"Bisogna spiegare a Vettel che la gara dura 53 giri, non uno".

Il calo delle prestazioni della Ferrari è stato netto, nonostante fosse uscita dalla pausa estiva dando la sensazione di aver confermato il vantaggio sulla Mercedes che aveva mostrato nella prima parte di stagione.

Vettel ha detto di non avere nessuna spiegazione per le recenti difficoltà della Ferrari: "Siamo sempre stati molto vicini" ha detto.

I commissari hanno ritenuto opportuno penalizzare Verstappen per il primo contatto con Raikkonen, con la motivazione di un 'rientro in pista pericoloso', mentre nel secondo caso non sono stati presi provvedimenti - nemmeno per Vettel, che in quel caso era il 'tamponatore'.

"La Ferrari nelle ultime 3-4 gare ha compiuto errori di strategia che è difficile da comprendere, ci sono campionati che vinci, gestendoli". Un malinconico 'deja vu' per il team e i tifosi, che dovranno rimandare ancora, al 2019, i sogni di riscatto e assistere di nuovo, forse già nel Gp Usa ad Austin, ai trionfi di Lewis Hamilton e della Mercedes. "Penso che i media debbano mostrare un po' più di rispetto per Sebastian - ha postato Hamilton in una Instagram Stories - Non potete immaginare quanto sia difficile fare quello che facciamo al nostro livello". "Essendo umani, è normale fare errori, ma ciò che conta è il modo in cui ne usciamo".