Juncker: Salvini sboccato su Ue, fa capire tante cose

Regolare Commento Stampare

Nuovo giorno di botta e risposta tra Roma e Bruxelles. "L'Ue non diventerà gli Stati Uniti d'Europa sul modello degli Usa", ha detto detto il presidente della Commissione europea, sottolineando che "la marcia dello stupido populismo e del nazionalismo deve essere fermata finché siamo ancora in tempo". La strada intrapresa dal Governo italiano non è quella giusta per rimanere entro gli obiettivi di bilancio concordati. "Noi chiediamo solo di rispettare i patti". La guerra di dichiarazioni tra Matteo Salvini e Jean-Claude Juncker aggiunge una nuova battaglia dialettica al proprio ruolino. "Non ho sentito cosa ha detto, l'ho soltanto letto".

Juncker ha affermato di avere "comprensione" per gli euroscettici: "ci sono molte persone che non sono di principio contro l'Europa, ha spiegato, ma hanno delle legittime domande all'Europa". "Si tratta di cose che non prendo nemmeno in considerazione", dice Juncker". "Non possiamo scegliere i parenti, gli amici invece sì".

"Spero che lui non dovrà mai rimuovere il cumulo delle macerie" ha dichiarato all'agenzia di stampa Apa Juncker, a Vienna per le celebrazioni del centesimo anniversario della Repubblica austriaca, dove ha tenuto un discorso in parlamento.