Formula1 Suzuka Vettel: "Dura fare la pole se Mercedes resta così veloce"

Regolare Commento Stampare

Credo che se avesse aspettato avrebbe potuto passarmi più facilmente. Avrei voluto stargli attaccato anche alla fine a Sochi, ma non è stato facile.

In pista a Suzuka c'era un pilota nel frattempo che risaliva la china (come spesso è abituato a fare), con decisione e senza compromettere la sua monoposto: Ricciardo dava inizio ad una serie di "corpo a corpo" e al giro 14 era in quinta posizione. "Ma tutto può cambiare da una settimana all'altra". Vettel racconta ancora: "stava per piovere, pensavamo piovesse di più e invece ha smesso. È una pista iconica". Vettel vi ha conquistato quattro vittorie, sempre però con la Red Bull, e l'obiettivo, anzi l'obbligo, è fare cinquina al volante della Ferrari. Per il tedesco della Ferrari ennesima gara in salita terminata in sesta posizione, con le ambizioni mondiali giunti ai titoli di coda a favore di Lewis Hamilton, impeccabile nelle ultime gare.

"Il meteo svolgerà un ruolo importante durante questo weekend per tutti". Doveroso, per questioni di orario, partire dalla Formula 1 e dal nono successo del pilota inglese della Mercedes che, sul circuito nipponico, ha trascorso un tranquillo pomeriggio come se tutto il resto fosse il paesaggio di una passeggiata di piacere, all'aria aperta e immersi negli scarichi di quei 20 bolidi.

Intanto la direzione di gara dava 5 secondi di penalità a Verstappen per la manovra fatta su Raikkonen; al settimo giro rientrava la Safety Car, Vettel si faceva vedere negli specchietti della Red Bull dell'olandese, alla curva del "cucchiaio" lo affiancava, metteva all'interno tre quarti di macchina, Max forse non lo vedeva arrivare così veloce, chiudeva la traiettoria, si toccavano e Vettel si girava finendo in 18° posizione. Fino a poco tempo fa le condizioni di bagnato non erano il nostro punto forte, ma in alcune occasioni di recente siamo andati abbastanza bene. Quello che è certo è che Vettel si tsrova al 18° posto e ha tutto il gruppo davanti.

Arrivabene sbotta e fa capire che qualcuno del suo box la pagherà: "Finora ci ho messo la faxccia, ma ci vuole qualcuno che capisce di come funzionano le cose in pista", Chissà a chi toccherà l'epurazione. "Con quella gomma non si poteva fare di meglio" conclude.