Fatture elettronica, slitta l'obbligo: le nuove date

Regolare Commento Stampare

Questo è quanto previsto da una bozza del decreto fiscale collegato alla manovra, che contiene anche le norme della 'pace fiscale' annunciata dal governo.

La rottamazione ter delle cartelle esattoriali e la "pace fiscale" per le liti tributarie, norme per la fatturazione elettronica, sterilizzazione dell'aumento di alcune accise e l'arrivo di una lotteria degli scontrini dal 2020. Le norme sono contenute in una bozza, che l'ANSA ha visionato, con alcuni articoli definiti ed altri solo abbozzati nel titolo: tra quest'ultimi anche la proroga del prestito Alitalia, il fondo per ristoro dei risparmiatori l'estensione dei gruppi Iva ai gruppi bancari. Per fare pace sarà necessario fare domanda entro il 16 maggio e pagare cinque rate trimestrali nel 2019-20. Il Governo è al lavoro per definire le ultime questioni sulla Manovra con lo scontrino cartaceo che a breve dovrebbe salutare definitivamente per dare spazio a quello elettronico.

Inoltre dal primo gennaio 2020 parte la 'lotteria' degli scontrini elettronici introdotta dalla legge nel 2016 ma sempre rimandata: alla base di tutto, oggi come all'ora, c'è la volontà di combattere l'evasione fiscale, incentivando i cittadini a chiedere il rilascio dello scontrino fiscale dopo ogni acquisto.

Intanto la lotteria degli scontrini si aggiorna. Inizia a prendere forma il decreto fiscale collegato alla manovra.

Arriva poi la rottamazione Ter delle cartelle e consente il pagamento del debito fiscale pendente dal gennaio 2000, senza sanzioni e more, dilazionato fino al 2024.

L'introduzione dello scontrino elettronico, ovvero l'obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica di scontrini e fatture all'Agenzia delle Entrate, sarà graduale: da luglio 2019 riguarderà i soli contribuenti con un volume d'affari sopra i 400mila euro l'anno, dal 2020 tutti gli altri esercenti, anche i più piccoli.

Non ci sarà l'aumento dell'accisa della benzina e degli altri carburanti che sarebbe dovuto scattare dal primo gennaio. In tal senso l'acquirente potrà usufruire di uno sconto al momento dell'adeguamento effettivo o dell'acquisto e che il venditore potrà recuperare in compensazione attraverso il modello F24. Il decreto fiscale è stato preparato dal ministero dell'Economia di concerto con il ministero dello Sviluppo economico.