Morto Charles Aznavour: la vita, la carriera, l’impegno politico

Regolare Commento Stampare

Il primo ottobre 2018 è morto il musicista Charles Aznavour, autore di importanti brani che hanno segnato la storia della musica.

Oltre 1200 canzoni, cantate in sette lingue per parlare soprattutto d'amore: impossibile, tradito, perduto, malato, desiderato, rimpianto all'interno di vite che a un certo punto si sono incrinate. Dal padre cantante Aznavour ereditò la passione per il canto, in un primo tempo ostacolata dal problema alle corde vocali, una brutta paralisi che bloccava più d'una, ma che invece di impedirne la volata artistica, attribuì alla sua voce quel timbro roco pieno di suggestioni.

"Mi piacciono le sue canzoni, i suoi testi, la sua musica".

In Italia per quasi tutte le versioni italiane delle sue canzoni collaborò con il paroliere Giorgio Calabrese.

"Charles Aznavour era la Francia". Come tutti gli istrioni, una sola arte non poteva bastargli: era anche un attore. Aveva esordito così, da giovanissimo, prima che Edith Piaf lo scoprisse e decidesse di portarlo al successo. Al suo attivo una sessantina di ruoli cinematografici, da protagonista e da caratterista di lusso, una carriera iniziata in piena Nouvelle Vague che lo ha visto diretto negli anni da François Truffaut, Claude Chabrol, Jean Cocteau, Claude Lelouch. Le sue prove d'attore sono intense quanto le sue canzoni, con l'identico mix di malinconia ed eleganza, accompagnate dagli stessi guizzi improvvisi del suo sguardo da folletto.

In scena era magnetico. Più in particolare un "edema polmonare, che ha provocato un collasso cardiorespiratorio". E ripensa alle parole di lui, del cantante scomparso a 94 anni nella notte fra domenica e lunedì: immaginando il suo funerale, aveva detto in un'intervista, "voglio che sia breve, perché quando dura per ore rompe le scatole". Per non parlare di E io tra di voi, capolavoro del romanticismo borghese che scivola su cascate di violini, ma che resterà per sempre crocifisso alla irresistibile parodia di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini.