Migliorano le condizioni di Lele Spedicato, il chitarrista dei Negramaro

Regolare Commento Stampare

Qui Lele è arrivato sveglio ma in uno stato confusionale e con i segnali che caratterizzano un'emorragia cerebrale, pertanto dopo gli esami radiologici che ne hanno confermato le cause, hanno optato per un intervento chirurgico finalizzato al drenaggio verso l'esterno.

Il bollettino medico diffuso dall'ospedale Vito Fazzi di Lecce sottolinea che le condizioni di Emanuele Spedicato sono "in lieve ma continuo miglioramento le condizioni di salute".

Nonostante i segnali incoraggianti, Lele Spedicato è ancora in coma: in questi giorni il coma neurologico da cui si sta lentamente risvegliando è stato accompagnato da farmaci di sedazione che in questi casi servono a preservare le funzioni neurologiche del paziente.Una situazione ancora molto delicata quella del chitarrista dei Negramaro, che però ha avuto in questi giorni i primi contatti con i suoi cari.

Ricoverato dal 17 settembre all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, il chitarrista 38enne ha ricevuto migliaia di messaggi di solidarietà da parte di amici e fan.

In questi giorni i membri dei Negramaro si sono stretti intorno a Lele e alla moglie Clio, in attesa del loro primo figlio: la band salentina, che aveva attraversato una crisi arrivata quasi allo scioglimento prima di ritrovarsi con l'ultimo album Amore che torni, è ora più unita che mai nel sostenere l'amico e collega, anzi "fratello", nella sua lenta ripresa. "La grande forza di volontà che hai dimostrato finora - scrive la band - inizia a rasserenarci". Continua così, noi ci saremo sempre! Siamo certi che il nostro Lele lo stia raccogliendo tutto per tornare più forte.