Nobel per la medicina a James Allison e Tasuku Honjo

Regolare Commento Stampare

Il Premio Nobel per la Medicina 2018 è stato assegnato a James P. Allison e a Tasuku Honjo, per i loro studi sulle terapie anticancro basate sulla regolazione del sistema immunitario, ovvero sul freno naturale che riesce a bloccare l'avanzata dei tumori, sulle quali si basa l'immunoterapia.

I due studiosi "hanno capito che si può stimolare il sistema immunitario per attaccare le cellule tumorali, un meccanismo di terapia assolutamente nuovo nella lotta a un tipo di malattia che uccide ogni anno milioni di persone e che costituisce una delle più gravi minacce alla salute dell'umanita'", si lgge nelle motivazioni dell'Accademia.

Lo scienziato giapponese è stato il primo ad individuare nel 1992 la proteina PD-1, anch'essa un "freno" per e cellule T. PD-1 agisce da inibitore della risposta del nostro sistema immunitario quando si collega a PD-L1, una proteina espressa su alcune cellule normali e tumorali.

Il ricercatore James P. Allison ha studiato una proteina che funziona come 'freno' del sistema immunitario e così facendo ha scoperto le sue potenzialità nella lotta contro il cancro stimolando le cellule del sistema immunitario contro il tumore. Una volta che lo ha dimostrato, l'immuno-oncologia, o la scienza di far combattere il sistema immunitario contro il cancro, è esploso. Entrambe le scoperte si sono tradotte nel tempo in nuovi approcci per la terapia contro i tumori che si stanno dimostrando molto promettenti. Alcune cellule tumorali hanno una grande quantità di PD-L1, che le aiuta a sfuggire quindi all'attacco immunitario. Immunologo di formazione, è nato il 27 gennaio 1942 a Kyoto e nella sua città ha lavorato a lungo a partire dagli anni '70, tranne brevi parentesi negli Stati Uniti e a Osaka.

James P. Allison, 70 anni, che è professore presso l'Università del Texas - Anderson Cancer Center Houston, e Tasuku Honjo, 76 anni, professore dell'Università di Kyoto, nel 2014 vinsero per la loro ricerca il premio Tang, considerato la versione asiatica del Nobel.