Kvyat nel 2019 tornerà a guidare la Toro Rosso | Formula 1 | Motori

Regolare Commento Stampare

Per la serie "a volte ritornano", il 2019 sarà l'anno del ritorno in pista di Daniil Kvyat, che tornerà a correre con la Toro Rosso sostituendo Pierre Gasly, ormai ufficialmente pilota Red Bull.

Il team principal Franz Tost spiega le motivazioni di questa scelta che, come detto, fino a qualche settimana fa sembrava assolutamente impensabile: "Le ottime performance che Pierre Gasly ha mostrato fin dal debutto in F1, lo scorso anno, lo hanno portato a guadagnarsi un posto alla Aston Martin Red Bull Racing per la prossima stagione".

"Non ho mai smesso di sperare di correre di nuovo, sono ancora giovane e mi sono mantenuto in forma per essere sempre preparato nel caso si presentasse un'altra opportunità, darò il massimo realizzare ciò che il team si aspetta da me e non vedo l'ora che tutto ricominci".

Nel giorno delle qualifiche del Gran Premio di Russia, la Scuderia Toro Rosso ufficializza il ritorno di Daniil Kvyat "nella propria line-up di piloti per il 2019". Nel 2016, dopo la retrocessione in Toro Rosso, le cose andarono decisamente preggiorando con soli due piazzamenti a punti (Silverstone e Singapore), mentre nel 2017 venne definitivamente appiedato dopo l'ingaggio di Pierre Gasly, salvo ritornare per il Gp degli Stati Uniti in sostituzione proprio del francese impegnato in Super Fornula. Lo ha meritato e, dal punto di vista della Toro Rosso, sono contento che un pilota del Red Bull Junior Programme di Helmut Marko sia riuscito, ancora una volta, ad arrivare alla Red Bull Racing: missione compiuta! Daniil si rese protagonista di un buon primo anno, che gli valse il 15° posto finale e la promozione in Red Bull, con la quale chiuse 7° il mondiale successivo, conquistando il primo podio in Ungheria, secondo. Kvyat era tornato in Toro Rosso. Ho imparato molto da li e ora sono più forte e preparato di quando ho lasciato Toro Rosso. Vorrei anche ringraziare la Ferrari per aver avuto fiducia nelle mie capacità di guida che mi hanno permesso di rimanere in contatto con la F1 come loro pilota di sviluppo. Kvyat? Credo che meriti un'altra possibilità in Formula 1. È un pilota esperto con una fantastica velocità naturale, come ha dimostrato più volte nella sua carriera. Faremo il massimo per dargli un pacchetto competitivo e credo proprio che il meglio per lui debba ancora venire.