Haier acquista Candy / Bianco & Ped / News

Regolare Commento Stampare

475 milioni di euro: tanto è bastato alla cinese Qingdao Haier per mettere le mani sulla famosa società di elettrodomestici Candy. Lo annuncia lo stesso gruppo cinese che è quotato a Shanghai sottolineando che acquisirà il 100% dell'azienda dai due soci italiani.

È stata venduta ai cinesi di Haier la Candy, storica azienda brianzola che produce elettrodomestici. Nella stessa settimana, dopo l'annuncio della vendita di Versace, è il secondo marchio del Made in Italy che prende la strada dei mercati stranieri.

È l'ennesimo marchio italiano che vola all'estero. Candy Group, società della famiglia Fumagalli nata a Monza nel 1945, era l'ultima azienda del bianco rimasta in mano agli italiani. I venditori sono Beppe Fumagalli, Aldo Fumagalli e Albe Finanziaria S.r.l (controllata della famiglia Fumagalli).

Un affare da 475 milioni che ha portato lo storico marchio nostrano a spogliarsi del tricolore e a preparare i bagagli in direzione Asia. Nel 2017 ha registrato ricavi per 1,6 miliardi. Alla fine degli anni '50 Candy inventa la lavatrice a carica frontale. Il gruppo cinese, viene indicato, continuerà a investire in Candy per aumentarne la competitività in Europa e a livello globale. "Crediamo che la capacità di innovazione, tecnologia e design unite allo stile italiano di Candy si integreranno perfettamente con il modello operativo di Qingdao Haier". "Insieme soddisferemo meglio le crescenti richieste di prodotti più personalizzati e renderemo migliore e più semplice la vita delle persone".

"Riteniamo che questa operazione segni l'inizio di una cooperazione strategica di successo tra Haier e Candy Group, che non solo stimolerà il potenziale del mercato degli elettrodomestici intelligenti, ma ispirerà anche il settore a mantenersi all'avanguardia per migliorare l'esperienza del cliente", ha dichiarato il presidente del Consiglio di amministrazione del gruppo Haier Liang Haishan.