L'aereo manca la pista e finisce in mare: tutti illesi

Regolare Commento Stampare

Una storia simile a quella del 'miracolo sull'Hudson' del 2009, raccontato nel 2016 da Clint Eastwood nel film Sully. Lo rende noto la compagnia aerea. Vedremo cosa accadrà e se ci saranno denunce in merito all'accaduto con anche possibili pesanti ripercussioni. L'aereo era gestito da Air Niugini, la compagnia nazionale della Papua Nuova Guinea. In poche parole in mare, nella laguna davanti all'isola di Weno nello stato di Chuuk. Il passeggero, che aveva un biglietto Ryanair per Amsterdam, dopo essersi reso conto di non essere entrato in tempo nell'aereo durante le operazioni di imbarco, è uscito da una porta anti-incendio dopo averla sfondata, è balzato sulla pista e si messo a rincorrere un velivolo. Numerose le foto e i video pubblicati sul web in queste ultime ore, dove si vedono i passeggeri portarsi a riva a nuoto, o salvati da alcuni piccoli barchini dei pescatori locali.

Al momento dell'impatto, a bordo c'erano 36 passeggeri e gli 11 membri dell'equipaggio, tutti miracolosamente illesi. L'aereo stava volando fra Port Moresby e Pohnpei, la capitale della Micronesia, e doveva fare scalo al Chuuk International Airport, sull'isola di Weno, nello Stato di Chuuk.