Juventus-Napoli 3-1: CR7 show, che doppietta Mandzukic!

Regolare Commento Stampare

La Juventus vince 3-1, ma gli azzurri posso consolarsi con l'ottimo avvio di gara e con la caparbia reazione dopo il rosso a Mario Rui, non andato già peraltro a Carlo Ancelotti: "L'arbitro ha preso secondo me una decisione superficiale, inizialmente non aveva fischiato il fallo ma lo ha fatto dopo qualche minuto". Primo: nelle difficoltà del primo tempo, con il Napoli in vantaggio e la Juve ancora negli spogliatoi, Ronaldo calcia due volte in porta e regala a Mandzukic una palla solo da spingere in porta. Polemiche per la mancata espulsione di Bonucci che colpisce con una testata (di leggera entità) Allan.

Juventus e Napoli si giocano una grande fetta dello scudetto a Torino. Napoli in vantaggio e Juve in difficoltà, soprattutto per i tanti errori, inconsueti, in fraseggio. Il campionato è ancora tutto da giocare ma adesso la concentrazione deve restare alta.

Cristiano suona la carica: prende le misure con due conclusioni centrali, poi salta Hysaj e pennella l'assist per il colpo di testa del pareggio di Mandzukic.

Il Chelsea di Sarri si era informato senza successo, perché come ha confermato De Laurentiis non c'è alcuna clausola, ma Insigne va via per 200 milioni: è un accordo verbale proprio con il suo nuovo agente. Il Napoli risponde con Mario Rui, alto. CR7 centra il palo ma Mandzukic è lì, pronto per la ribattuta vincente e la doppietta personale, la seconda in serie A. Al 57' Szczesny perde il pallone sul destro di Mertens e Alex Sandro toglie sulla linea il pallone a Callejon. Dal possibile pari all'inferiorità numerica per il Napoli. Terzo: quando il Napoli, in dieci per il doppio giallo a Mario Rui, sembra incredibilmente vicino a rimettere in piedi la partita, Ronaldo gira di testa un angolo da destra. Esce un ottimo Dybala ed entra Bernardeschi. Il presidente del Napoli non ha però abboccato e ha definito a dir poco incedibile il 24 azzurro. La grande occasione per pareggiare arriva al 72' e capita sui piedi di Callejón che perfettamente imbeccato da Milik esalta i riflessi di Szczęsny. È il gol che sancisce anche la pace tra il difensore e il pubblico bianconero, che lo applaude come mai finora. La Juve può amministrare con serenità e concludere tra gli applausi e i cori dello Stadium la settimavittoria consecutiva.