Tricloetilene in acqua minerale, ecco i lotti ritirati dal Ministero della Salute

Regolare Commento Stampare

Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo di quattro lotti di acqua minerale naturale Fonte Itala effervescente, chiarissima e frizzante per la presenza di tricloroetilene in concentrazioni oltre ai limiti consentiti dalla legge.

L'acqua minerale è stata imbottigliata da Fonte Itala Srl nello stabilimento di contrada La Francesca, ad Atella in provincia di Potenza. Le bottiglie sono quelle in Pet da 1,5 litri e questi sono i lotti di produzione: L110918, L120918 e L150918. Le bottiglie che appartengono ai lotti segnalati vanno riportate ai punti vendita, in alternativa possono essere scartate nei rifiuti e gettate via. Il motivo del richiamo è la presenza di tricloroetilene (o trielina) in concentrazioni superiori a quelle previste dall'allegato II del Decreto Ministero della Salute 10/02/2015 e, in particolare, per il valore di 0,2/l. Quali sono i rischi per la salute del tricloroetilene o trielina? In caso si avvertissero alcuni di questi sintomi dopo aver consumato questa marca di acqua minerale è consigliabile recarsi immediatamente al pronto soccorso. La raccomandazione rilasciata dal Ministero è quella di controllare se si sono acquistate bottiglie di acqua con questi numeri di lotto e di non consumarla assolutamente. Si tratta di un solvente chimico e una sostanza tossica e cancerogena. Sul sito del Ministero della Salute c'è un approfondimento sugli effetti sulla salute.

Il tricloetilene è presente anche in molti cibi che fanno parte della nostra alimentazione, ma se assunto in grosse dosi può causare danni a fegato, reni e sistema nervoso. "Studi di cancerogenicità hanno evidenziato che l'esposizione per via inalatoria e per somministrazione orale induce nei topi sia maschi che femmine un incremento di carcinomi epatocellulari".