Test d’ingresso a Medicina, ministro Grillo: "Stop al numero chiuso"

Regolare Commento Stampare

Non è chiaro se il Ministro della Salute voglia abolire il test di accesso alla facoltà di medicina, oggi insieme ad odontoiatria, o prevedere le modalità di accesso diverse solo per la Facoltà di medicina, come ha indicato lo stesso Ministro Giulia Grillo sul Blog delle Stelle e dichiarato al Il Messaggero ed Il Mattino. Per tamponare la situazione, stiamo lavorando a una misura urgente che consenta di partecipare ai pubblici concorsi ai medici che hanno maturato un'adeguata esperienza nell'area dell'emergenza, seppur con contratti precari e senza specializzazione.

Secondo Grillo, in pratica, il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, istituito principalmente per contenere i costi a carico del sistema sanitario, crea un imbuto troppo stretto per il mondo del lavoro.

Preoccupazione condivisa anche dall'UDU, che in un comunicato a commento della notizia scrive attraverso le parole di Enrico Gulluni, coordinatore nazionale dell'Unione degli Universitari: "Le dichiarazioni dei due Ministri (Grillo e Salvini, ndr) fondano su presupposti sbagliati perché ancora una volta non si affronta il reale problema che ha sempre portato al numero chiuso, ossia un graduale, continuo e sostanziale sottofinanziamento che non permette l'erogazione di una didattica di qualità per gli studenti e che limita i posti a causa di un reclutamento dei docenti costretto al ribasso e di strutture e strumenti insufficienti". "Perseguiremo - spiega - un modello di meritocrazia, democratico e aperto. Ci si potrebbe ispirare a quello francese". Dopo 30 anni di immobilismo e cattive riforme, non è facile, ma ci stiamo mettendo tutto l'impegno possibile e presto si vedranno i primi risultati.

"Guardo all'Europa - aggiunge il ministro - il sistema delle borse di studio che vige oggi in Italia è unico in Europa". Verrà rivisto il numero chiuso? Grillo evidenzia le iniziative in cantiere per fronteggiare, in particolare, il tema della carenza dei medici.

Il Ministro annuncia norme per sbloccare le assunzioni, superare il numero chiuso in Medicina e "mandare via i dirigenti politicizzati". "A 28 anni con 800 euro al mese però ciò non consente di pensare al futuro".