Fisco, Di Maio: flat tax con 3 aliquote

Regolare Commento Stampare

"L'avvento della flat tax (in Italia probabilmente sarà una dual tax con due - o forse più - aliquote fisse e scaglioni di reddito) potrebbe mettere in discussione l'attuale sistema di deduzioni e le detrazioni fiscali, istituti che hanno sin qui fatto da volano non solo per la previdenza complementare, ma in più in generale per lo sviluppo di tutte le forme di welfare integrativo e aziendale", hanno spiegato a Morningstar Alberto Brambilla e Michaela Camilleri, rispettivamente presidente e responsabile dell'area previdenza e finanza del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali. Parole cui è seguita a stretto giro la replica di Di Maio. "Noi che siamo del Sud ce li ricordiamo i soldi dati alle persone per stare sul divano in cambio di voti, proprio per questo vogliamo fare una misura totalmente diversa per dare alle persone l'opportunità di reinserirsi nel mondo del lavoro". Dello stesso tenore anche le dichiarazioni del leader della Lega. "E' tre mesi che cercano di dividerci e di farci litigare - ha detto Salvini parlando dei rapporti con Di Maio e con il premier Conte - lo dico ai giornalisti che perdono tempo, energia e denaro: andiamo avanti per cinque anni per governare questo Paese, non litighiamo né sui ponti né sulle poltrone".

Sul fronte della riforma fiscale, il ministro dell'Interno ribadisce: "Il mio obiettivo è che le partite Iva, quelle piccole, quelle che fatturano 65, 70, 80mila euro, già dal prossimo anno paghino il 15% di tasse e non di più". Di Maio, invece, ha puntato sull'introduzione da gennaio 2019 del reddito di cittadinanza cominciando dalle pensioni minime, portandole a 780 euro mensili.

Nel complesso l'introduzione di queste misure economiche importanti ha un costo di circa 20 miliardi. Altri temi, presenti nel contratto di governo, che dovrebbero entrare in manovra sono il taglio delle accise sui carburanti e la cedolare secca sugli affitti commerciali.

Tra 5 Stelle e Lega c'è il ministro Tria, che intende contenere la spesa dei due vicepremier per consegnare a Bruxelles un deficit che non vada oltre l'1,6%. Con la flat tax al 15% le tasse si dimezzeranno con un risparmio secco di 10.670 euro l'anno.

Nei prossimi giorni, quindi, Lega e M5S dovranno necessariamente trovare la quadra. E a quel punto la crisi di governo non sarebbe così facile da evitare.