Migranti: Salvini lancia l’allarme tubercolosi, ma la prefettura smentisce

Regolare Commento Stampare

L'esponente del Governo ha detto esplicitamente che gli italiani stanno pagando i costi sociali e sanitari di quella che, a suo parere, è un'invasione senza regole e senza controlli. A far tornare il tema in primo piano sono state le dichiarazioni del presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, a proposito della fuga di un immigrato (che aveva contratto la tubercolosi) da una struttura di accoglienza della provincia di Vicenza, a Sandrigo.

Il Vice-Premier Salvini ha ricevuto un avviso di garanzia [VIDEO], da parte di Luigi Patronaggio (pm di Agrigento), che ha redatto una relazione in cui si evince che il leader del carroccio è accusato di 'sequestro di persona', aggravato dal fatto che vi erano dei minori sulla 'Diciotti', 'abuso di atti d'ufficio', per aver ignorato la normativa sugli sbarchi, 'omissione di atti d'ufficio', per aver ignorato la richiesta della Guardia Costiera di approdo in un porto sicuro, e in più 'il ricatto all'Unione Europea', per aver reso i migranti degli ostaggi, allo scopo di scuotere l'indifferenza mostrata dall'Unione Europea dinanzi al sopraggiunto caso politico d'immigrazione in Italia. Dopo la smentita dei medici, è arrivata anche la rassicurazione della Prefettura: "Non c'è nulla da temere". Chiaro che il tentativo del Time è quello di scongiurare questa ipotesi, rimarcando la pericolosità che si verifichi.

"Ce l'ho messa e ce la metterò tutta per invertire la rotta", ha scritto il ministro Salvini sui social. Il presidente della Simm, Maurizio Marceca, dell'Università La Sapienza di Roma, invita invece a non creare allarmismi: "Non abbiamo in Italia alcun allarme tubercolosi legato agli immigrati. Intervenendo con affermazioni poco scientifiche - ha rilevato - si rischia di creare panico sociale". "Non può essere attribuito ad un unico fattore". Ringrazio prefetto, questore, polizia e carabinieri per i miracoli che stanno facendo - ha aggiunto - ovviamente i criminali non hanno nazioalità o colore della pelle: io voglio cacciare fuori gli spacciatori tutti dal primo all'ultimo, gli occupatori di case, gli sfruttatori di immigrazione clandestina e i papponi. "Questo dato conferma dunque che il rischio di malattia è in calo anche in questo gruppo di popolazione".