Marchionne, John Elkann in lacrime: "Sergio per me un amico"

Regolare Commento Stampare

"Per me sei stato una persona con cui confrontarmi e di cui fidarmi, soprattutto un amico", ha detto il manager.

Domani sarà la giornata del ricordo di Sergio Marchionne, l'amministratore delegato di Fca scomparso il 25 luglio. Molti i big dell'economia e i lavoratori presenti alla cerimonia, presieduta dal vescovo della città, Nosiglia, e alla quale ha preso parte anche la compagna di Marchionne, Manuela Battezzato.

Sottolineando che la celebrazione in Duomo per ricordare Marchionne " è un omaggio della città per lui, in segno di rispetto e di cordoglio, un abbraccio alla sua famiglia e ai suoi parenti, che sono venuti dall'Abruzzo e un po' da tutt'Italia e che salutiamo con affetto, un saluto commosso di chi ha lavorato con lui e ha condiviso anni intensi e indimenticabili". Dicevi "Io sono un metalmeccanico", consapevole che da solo non avresti raggiunto i traguardi che hai tagliato. Il suo lavoro è stato uno sprone a non perdere la speranza, ci ha aiutato a comprendere che dobbiamo continuamente fare i conti con la nostra storia.

"In un'occasione come questa non si può che parlare della vita, delle varie forme in cui la vita di manifesta, ti scopre, ti sorprende". Mai uguale a se stessa.

Per commemorare Marchionne sono arrivati al duomo di Torino esponenti della finanza, industria, politica e amministrazioni locali, come il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, e la sindaca di Torino, Chiara Appendino. Per il mondo industriale ed economico, tra gli altri, il presidente di Brembo Alberto Bombassei, il presidente di Generali, Gabriele Galateri con la moglie Evelina Christillin, Raffaele Ierusalmi ad di Borsa Italiana, l'ad di UniCredit Jean Pierre Mustier, Luca De Meo, ad di Seat, Elio Catania, Marco Tronchetti Provera, gli ex manager del Gruppo, Alfredo Altavilla, Paolo Monferrino. In chiesa anche gli ex premier Matteo Renzi e Mario Monti.

Numerosi anche gli esponenti della famiglia Agnelli.

Per la Juventus sono arrivati il presidente Andrea Agnelli, accompagnato da Pavel Nedved, insieme all'allenatore Massimiliano Allegri e al capitano Giorgio Chiellini.