Vuelta Espana: la cronometro è di Rohan Dennis, Quintana scende dal podio

Regolare Commento Stampare

Sempre rimanendo al Giro, Quintana l'anno scorso perse la Corsa Rosa proprio contro il tempo, ma l'avversario si chiamava Tom Dumoulin: qui di fenomeni paragonabili all'olandese a cronometro non ce ne sono, ma di certo Quintana dovrà evitare di perdere da Valverde, altrimenti le gerarchie in casa Movistar potrebbero iniziare a pendere verso lo spagnolo.

"Simon Yates, la cui leadership veniva vista come a rischio alla vigilia, allunga sugli altri big: "Alejandro Valverde ora si trova a 33" dal britannico, mentre Kruijswijk guadagna ed è terzo a 52". Male sono andati anche gli altri colombiani, Miguel Angel Lopez e Rigoberto Uran.

Rohan vince anche la prova di Torrelavega alla Vuelta. "Quarto un sorprendente Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo) che si rilancia così in classifica generale, e quinto Michal Kwiatkowski (Team Sky) che invece ne è ormai fuori mentre tra gli italiani si sono salvati Alessandro De Marchi (BMC Racing Team), ventesimo a 1'51" e Fabio Felline (Trek-Segafredo) che ha chiuso due posizioni dietro con 1'53" di distacco.

Dopo le tre salite consecutive e il giorno di riposo a Santander, la Vuelta riparte da una cronometro che può ridisegnare la classifica. Con i primi sette della classifica generale racchiusi in meno di 3', si prospetta una battaglia emozionante in questa finale di Vuelta. "Preferisco sentirmi in miglioramento in un GT che peggiorare, quindi penso che questa corsa sia stata perfetta come preparazione al Campionato del Mondo".