Eros Ramazzotti: "Ho votato M5s e lo rifarei. Salvini smaschera ipocrisia"

Regolare Commento Stampare

Sul settimanale, che gli dedica la cover del numero in edicola domani, il cantante ricorda il padre comunista che "immaginava un mondo equo in cui a tutti toccasse in sorte un pezzo di pane".

A tre anni dal suo ultimo e non croccantissimo disco intitolato "Perfetto", alle 18 precise del 10 settembre 2018 e in diretta Facebook Eros Ramazzotti ha annunciato l'uscita del suo prossimo lavoro.

"Ho votato 5 Stelle e lo rifarei". Intervistato da Vanity Fair il cantautore parla del suo quindicesimo album, Vita ce n'è, in vendita dal prossimo 23 novembre.

"Era utopia e lo scoprì sulla sua pelle". E un pregio, questo il leader della Lega e ministro dell'Interno lo vanta di sicuro: "Smaschera l'ipocrisia generale". Eros Ramazzotti, colonna della Nazionale cantanti ( 223 presenze e 128 reti in totale), romano de roma, ma "stranamente" juventino, non si sottrae quindi dal dare un giudizio sull " affaire Ronaldo', sulle attese riposte sul campione portoghese e sul mega ingaggio sborsato dal club bianconero per 'strapparlo' al Real Madrid. "L'hanno fatto anche con me e posso dire che anche io come Ronaldo muovo una piccola economia che fa bene a qualcuno". "Con i social adesso si dà addosso a chiunque, ma aggredire chi procura introiti è autolesionista". "È un disco che considero un nuovo inizio". Anzi. "Vasco Rossi non si discute, si ama", scrisse una volta su Instagram.

Eros, che è anche tornato a parlare della sua infanzia, ormai nota al grande pubblico anche grazie ad alcuni testi delle sue canzoni, ha detto: "Sulla mia storia gli americani avrebbero già fatto un film".

"Cazzeggiavano tutti. Io stavo in disparte e pensavo che la mia vita dovesse essere comunque un'altra roba", ha aggiunto.

Sui musicisti emergenti ha detto: "Oggi se i giovani resistono due generazioni sono dei mostri e sarebbe difficile emergere anche per me". Nell'intervista Ramazzotti ha parlato della sua lunga riflessione sul pubblicare o meno, sul continuare o meno a fare musica: "Ho passato qualche anno in cui non sapevo se continuare o fermarmi per sempre".