Benzina: arriva il taglio delle accise, lo annuncia Bitonci

Regolare Commento Stampare

E oltre ai punti già più volte citati anche dal premier Matteo Salvini ha parlato in maniera diretta del taglio delle accise sulla benzina.

E' ancora presto per conoscere l'entità dei tagli: "Stiamo ancora facendo i conteggi. Io non dico leviamo tutto, ma abbiamo una accisa ancora per il finanziamento della Guerra in Etiopia, che credo sia finita da un bel pezzo". Poi per il 2020-2021 ci ha chiesto di preparare una flat tax" annuncia Bitonci nel colloquio con Andrea Bassi circa il pacchetto fiscale per la prossima manovra - "La manovra è in fase di scrittura, dobbiamo tenere conto delle risorse disponibili: "proporremo una riduzione della prima aliquota dal 23% al 22%".

Sulla benzina le accise pesano per 72,8 centesimi al litro, mentre per il gasolio sono di 61 centesimi al litro. Si tratterà dunque del primo segnale verso una riduzione della tasse in generale.

Nel 2017 lo Stato ha incassato 25,7 miliardi di euro dalle accise sui prodotti energetici, scrive Il Messaggero.

Ma ovviamente non finisce qui, perché la manovra economica proverà a dare una mano all'imprese, tagliando loro le tasse: "Ci sarà un'altra misura molto importante per le imprese - ha aggiunto Bitonci - una riduzione dell'Ires dal 24% al 15% per gli utili che vengono reinvestiti per l'acquisto di attrezzature e beni per lo sviluppo dell'attività". Insieme alle altre informazioni di tema economico che sono state ribadite in questi giorni, dal sottosegretario all'Economia Massimo Bitonci, si parla anche di eliminare per davvero (dopo anni di propaganda) alcune delle imposte che da molti decenni gravano sul prezzo del carburante auto per gli italiani. Una specie di nuova legge Tremonti. "Sarà la più ampia possibile". Chiaramente ne figurano anche altre che almeno ad oggi non possono essere toccate, come quelle per la ricostruzione delle zone terremotate o per le emergenze. "Applicheremo l'aliquota del 15% fino a 65mila euro, poi ci sarà un'aliquota incrementale del 5% fino a 100mila, si pagherà cioè sulla parte che supera i 65mila euro".