Romano Fenati, squalificato e licenziato: "Torno a lavorare in ferramenta"

Regolare Commento Stampare

"Quell'azione non è degna di un pilota come te e, ovviamente, merita una giusta e dura punizione" ha scritto Mir accanto ad una foto che li ritrae insieme a festeggiare ai tempi della Moto3.

Infatti il ferragosto 2016 lo passò a casa dopo essere stato cacciato dalla VR46 Accademy che da i piloti allo sky team per varie intemperanze con i piani alti (Uccio in primis). Piano piano c'è anche chi, pur riconoscendo il gravissimo errore di cui si è macchiato domenica a Misano, tirando la leva del freno a Stefano Manzi in pieno rettilineo, vuole provare a dare almeno una parola di conforto al pilota ascolano.

E il pilota che ha subito il comportamento di Fenati ha commentato sul sito gpone la sua disavventura: "Un gesto del genere non deve mai essere commesso e nemmeno pensato, è una mossa pericolosa e mette a rischio la vita degli altri piloti". I veri sportivi non agirebbero mai in questo modo. Se fossi la Dorna, lo escluderei dal Mondiale. Per quanto riguarda il suo contratto come pilota con MV Agusta in Moto2, ;mi opporrò in prima persona per fermarlo. "Non succederà, non rappresenta i valori della nostra azienda".

"Ho sbagliato, è vero: chiedo scusa a tutti". Per essere Romano Fenati - confessa il 22enne - Ma mi rendo conto che a nessuno importa di me, di quello che sto soffrendo.

"Un uomo avrebbe finito la corsa e poi sarebbe andato in Direzione Gara per cercare di ottenere giustizia per i precedenti episodi".

"Non avrei dovuto reagire alle provocazioni -aggiunge il pilota marchigiano su Facebook-".

"In data 11 settembre 2018, il Tribunale Federale della FMI si è riunito per esaminare la richiesta di misure cautelari nei confronti di Romano Fenati presentata dal Procuratore Federale Antonio De Girolamo. Per questo non vogliamo che sia lui a riportare in pista MV Agusta nel Motomondiale" ha dichiarato Giovanni Castiglioni, Presidente di MV Agusta.

"È uscita un'immagine di me e dello sport tutto, orribile". Dunque nessun ripensamento. "Io sono sempre sceso in pista per vincere". Non ci si può fare niente.