Bruni Tedeschi, il #metoo è utile

Regolare Commento Stampare

In una delicata e floreale atmosfera nella quale è immersa un'elegante villa in Costa Azzura, si svolgono i giorni di vacanza di un nutrito gruppo di familiari e annessi domestici con le rispettive avventure sentimentali, prevalentemente vissute con discreto individualismo. E poiché la prima, che è anche la regista della storia, ha raccontato in questa "autobiografia immaginaria" molte cose della sua vita e della sua famiglia italo-francese rielaborandole con elementi di finzione, si presume che l'altra Valeria, con tutto il suo fascino greco-partenopeo, nella commedia dolceamara passata alla Mostra fuori concorso e molto applaudita, sullo schermo interpreti il personaggio dell'ex première dame Carla Bruni. Per la sezione Fuori Concorso - Fiction "I villeggianti", di Valeria Bruni Tedeschi. Cosa pensa Valeria Bruni Tedeschi delle quote rose nel cinema e del #MeToo? È un film sincero ma costruito, libero ma sempre consapevole (anche delle sue derive meno azzeccate), capace di ridere del suo dolore, che sceglie di chiudersi nella nebbia del cinema, tra un fallimento reale e una vittoria che, se pur immaginaria, comunque spinge verso il futuro. Le donne ci sono. Da attore, mi ha ricordato la sensazione che avevo provato quando ho girato per un'unica giornata con Woody Allen: "hanno in comune una solidità aperta all'improvvisazione". Tuttavia la vita su quel grande terrazzo pare non cambiare: "i bimbi che corrono, adulti che li rimproverano, si mangia, si fanno stupidaggini".

La regista e attrice scrive la sceneggiatura e la firma insieme alla collega (che lo è ugualmente nel film) Noémie Lvovsky e ad Agnès de Sacy, che aveva già collaborato a due delle sue precedenti pellicole ("È più facile per un cammello..." del 2003 e "Un castello in Italia" del 2013). E' pazza e furiosa insieme. Tutti chiudono i rumori del mondo e devono affrontare i misteri della propria esistenza. Ogni volta lo stesso rito: vuoi fare il film? Ci è sembrato, più facevamo il montaggio, che fosse l'unico personaggio adulto del film.