Morto Silvano "Nano" Campeggi, ha disegnato Hollywood con i suoi indimenticabili manifesti

Regolare Commento Stampare

Un grande artista, geniale e sensibile, che ha portato il nome di Firenze nel mondo con le sue locandine cinematografiche. Con la sua arte, l'artista riesce a trasformare delle semplici locandine in vere e proprie opere d'arte.

Per la sua abilità nel ritratto e l'inventiva che gli è congeniale, lavora, firmandosi "Nano", per le maggiori case cinematografiche americane come Metro Goldwyn Mayer, Universal, Paramount, Warner Bross, RKo, Dear Film, realizzando più di 3000 manifesti per Hollywood.

E invece mercoledì 29 agosto se n'è andato: chissà se a ritrovare Marilyn (Monroe) e Liz (Taylor), le attrici che sentiva più prossime tra le tante che aveva ritratto nella sua straordinaria carriera di cartellonista cinematografico, autore di tanti indimenticabili bozzetti che nel dopoguerra portarono il sogno del cinema nelle nostre città e ne fecero un fenomeno popolare e condiviso, già prima dell'avvento della televisione. Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, con un tweet, ha così espresso il proprio cordoglio per la scomparsa del celebre concittadino. Addio Nano". "Grande dolore e commozione e un abbraccio immenso alla moglie Elena e alla sua famiglia. Negli anni '80 la decisione di tornare a Firenze, dov'è sempre stato molto amato.

Campeggi, fiorentino, era da tempo alle prese con una lunga malattia.

È morto a 95 anni Silvano Campeggi, in arte Nano, considerato tra i più importanti artisti grafici nella storia del cinema americano che firmava con lo speudonimo Nano. Ricordiamo la sua attiva e costante partecipazione alla vita culturale della comunità ripolese, che, nel 2010, gli aveva dedicato la grande mostra del 2010 "Verso Campaldino. dal Pian di Ripoli alla battaglia", all'Oratorio di Santa Caterina, in cui raccontava da par suo i momenti precedenti alla mischia sanguinosa sotto il Castello di Poppi, ma anche la sempre pronta disponibilità ad organizzare momenti culturali da condividere con i suoi concittadini e i tanti amici.

Nano era una persona solare, disponibile e generosa, una presenza che ci mancherà terribilmente.