L'Ue avvisa l'Italia: "Penalità se non versa i contributi"

Regolare Commento Stampare

"Tutti gli stati dell'Ue si sono assunti l'obbligo di pagare i contributi nei tempi stabiliti".

Di Maio: "Le considerazioni di Oettinger?" Al contrario, "per ora parliamo delle dichiarazioni critiche contro la Commissione Ue", come quella "dopo la tragedia di Genova", che sono "inaccettabili", mentre quella sui 20 miliardi al bilancio Ue "non è corretta", per non dire "falsa", aveva detto Oettinger, aggiungendo che "un blocco" al bilancio Ue "danneggia tutti". "Un principio che noi consideriamo inaccettabile e che vogliamo rivedere, introducendo un meccanismo di rotazione dei porti, perché non può essere più solo l'Italia a farsi carico di un'emergenza che chiama in causa tutta l'Unione Europea". Da tempo l'Italia ha chiesto che le modifiche vengano attuate entro la fine di agosto e finora l'ostilità degli altri Paesi è stata giustificata anche con il fatto che la scadenza della missione è fissata alla fine dell'anno. "Saranno le riforme con cui accompagneremo la legge di bilancio". Ha usato parole meno concilianti il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che da Venezia ha lanciato un monito: "Se dall'Europa arriverà l'ennesimo no dovremo valutare se continuare a spendere soldi per una missione che sulla carta è internazionale ma poi gli oneri ricadono solo su un Paese". Una unità di coordinamento fatto da persone di vari paesi che decidono a rotazione quale possa essere il porto di sbarco - ha continuato il ministro - tutti hanno detto che condividono la necessità di rivedere le regole di Sophia ma queste regole devono essere riviste alla scadenza, cioè tra tre mesi. Per Boccia "non è un'eresia pensare anche al veto italiano sul bilancio europeo".

Di tutt'altro tenore le parole della capogruppo di Forza Italia al Senato, Anna Maria Bernini: "L'improbabile botta e risposta tra il vicepremier Di Maio e il commissario Oettinger sui contributi dell'Italia alla Ue e l'approvazione del bilancio comunitario dimostra da un lato la sordità e l'arroganza di certe istituzioni europee alle istanze dei cittadini, dall'altro che Di Maio e buona parte del governo sembrano essersi iscritti alla fiera del dilettantismo".