Ponte Morandi, polemica tra Salvini e Atlantia

Regolare Commento Stampare

Atlantia, dopo il drammatico calo della vigilia, cerca il recupero in Borsa, ma, al di là del rimbalzo odierno, restano ancora molti i nodi da sciogliere dopo il crollo del ponte Morandi di Genova, che martedì ha provocato 38 vittime (il computo non è definitivo, i soccorritori stanno cercando ancora 10-20 dispersi). "Le modalità dell'annuncio possono causare riflessi per azionisti e obbligazionisti della società". Intanto, questa mattina, dopo non essere riuscita a fare prezzo per quasi un'ora, il titolo di Atlantia è andato a picco in Borsa. Infine, sono stati avviati accertamenti per valutare se ci siano stati inadempienze gravi da parte della societa'. "E' un esecutivo che non si sta muovendo in un quadro legale e non rispetta il contratto bilaterale", ha aggiunto senza mezzi termini un esperto che preferisce restare anonimo, "sorpreso" da alcune dichiarazioni del premier Conte rispetto ai termini del contratto con Autostrade per l'Italia.

Deboli nel comparto del credito Ubi Banca (-3,34%) e Banco Bpm (-2,76%) ma si sono segnalate in negativo anche Saipem nell'energia (-3,07%) e Leonardo nell'industria (-2,50%).

Nella mattinata di giovedì 16 agosto anche gli amministratori di Wikipedia si sono visti costretti ad intervenire per modificare e ripristinare ai dati reali la pagina biografica dell'amministratore delegato di Autostrade per l'Italia e Atlantia, Giovanni Castellucci, poco prima "attaccata" da qualche utente.

Il governo ha deciso di revocare la concessione alla società Autostrade.

In attesa di conoscere la reazione del titolo Atlantia, la società controllante di Autostrade per l'Italia che fa capo alla famiglia Benetton, si apprende che i mercati obbligazionari globali hanno già punito i suoi bond.

Su quanto dovrebbe sborsare l'Erario ad Autostrade, nell'eventualità, si è fatta la cifra di 20 miliardi. "Di fronte a 40 morti non ci sono clausole che tengano", ha ribadito. "I Benetton li incontreremo quando gli revocheremo la concessione". "Stupisce la leggerezza di alcune frasi pronunciate da esponenti di primo piano del governo - aggiunge un analista all'Adnkronos - che sembrano evocare un'espropriazione dell'asset autostradale, una fattispecie che non ha mai avuto luogo in democrazie europee".

Gli analisti ricordano come "il contratto di concessione potrebbe aiutare a proteggere Atlantia" visto che, in caso di revoca, "stabilisce il diritto al risarcimento per Autostrade per l'Italia".