Banca Carige, si dimette il sesto consigliere del Cda: lascia Lucia Venuti

Regolare Commento Stampare

Ad abbandonare il board è Lucia Venuti, avvocato massese 54enne, nominata in quota Malacalza.

L'addio renderà ancora una volta le azioni Banca Carige le sorvegliate speciali di Borsa Italiana, soprattutto alla luce delle recenti performance del titolo, ieri affossato dalla sonora bocciatura di Moody's.

Intanto la banca punta ad arginare la bufera scatenata dal downgrade di Moody's che, paventando per l'istituto il rischio di essere posto in risoluzione, ha abbassato la valutazione del merito di base della banca, del rating a lungo termine e di quello sul deposito a lungo termine. "L'avvocato Pezzolo ha motivato le proprie dimissioni ritenendo esaurito il proprio mandato con l'approvazione della relazione semestrale e la convocazione dell'assemblea degli azionisti, nonché con l'approvazione della della risposta alla lettera della Bce", si legge nella nota.

Genova - Il consiglio di amministrazione di Banca Carige ha risposto all'annuncio dell'agenzia di rating Moody's di abbassare il livello di affidabilità della banca nei suoi rapporti. Pertanto "il Cda si riserva di assumere ogni opportuna iniziativa a tutela propria e di tutti gli stakeholder". A quanto risulta il documento conferma a Bce che la banca ha già convocato, per il 20 settembre, l'assemblea per rinnovare il cda. Sui ritardi nell'emissione del bond subordinato e della cessione degli asset non strategici, sostiene il cda, hanno pesato le condizioni del mercato e la ricerca di acquirenti adeguati, ma anche senza il bond la banca potrà raggiungere, entro il 2018, i target patrimoniali. Ad oggi sono sei i consiglieri di amministrazione di Carige che si sono dimessi.