Musk VS Wall Street, Tesla sia privata

Regolare Commento Stampare

Molti hanno creduto che quella di Musk fosse solo un'uscita provocatoria, una trovata per mandare in tilt i mercati finanziari con cui l'imprenditore 47enne non è mai andato tanto d'accordo, pur se il titolo è sempre stato premiato.

Cosa che ha fatto impennare le azioni Tesla dell'11%, fino a sfiorare i 380 dollari.

Dopo i videogiochi nel sistema di infotainment delle auto Tesla, potrebbe quindi arrivare una mini car, anche se non abbiamo certezze in merito, né sul tipo di modello, né circa l'eventuale destinazione.

Riacquistare la compagnia e tornare privata permetterebbe a Tesla di operare in maggiore tranquillità, con i riflettori dell'opinione pubblica meno puntati addosso, a meno che Musk non continui a far parlare di sé e delle sue aziende con tweet così esplosivi.

A proposito di piani futuri, sembra che Tesla Motors, uno dei marchi più prestigiosi dell'industria delle auto elettriche e dell'eMobility, abbuia cominciato ad assumere presso i suoi nuovi stabilimenti di Shanghai - i primi fuori dagli Stati Uniti - un mese dopo avere siglato accordi con le autorità locali per un progetto del valore di 2 miliardi di dollari.

Un'operazione di "delisting" definita ambiziosa dal Sole 24 Ore di oggi, per un valore complessivo di 72 miliardi di dollari. Il produttore di auto elettriche ha una capitalizzazione di 61,6 miliardi di dollari; al momento, Musk detiene circa il 20% delle azioni. "Sarebbe una grande opportunità" e spazzerebbe via le "distrazioni" legate ai forti sbalzi del titolo in Borsa. Come precisa il CEO della società: essere un'azienda quotata ci sottopone all'esposizione dei risultati trimestrali che stanno esercitando una grande pressione su Tesla, e che la portano a prendere decisioni improvvise e non sempre giuste in un determinato periodo. Un annuncio che ha colto di sorpresa tutti, compresi gli investitori che, in ogni caso, Musk spera di avere al suo fianco anche in caso di "delisting".

Ma la scommessa saudita passa subito in secondo piano con l'ultima idea di Musk, un professionista di Twitter che usa per gioco ma anche per comunicazioni ufficiali.

Tesla ancora al centro dell'attenzione.