Maxi sequestro di droga ad opera della GdF

Regolare Commento Stampare

L'imbarcazione era partita dalla Spagna, dal porto di Las Palmas de Gran Canaria, diretta a Tuzla, nella provincia di Istanbul, con tappa intermedia ad Alessandria d'Egitto. La nave è stata bloccata a Palermo la sera del primo agosto, e sono intervenuti pattugliatori ed elicotteri. L'intero equipaggio formato da undici persone, provenienti tutti dal Montenegro, è stato arrestato e condotto in carcere, con l'accusa di traffico internazionale di droga mentre, la nave e 400mila litri di gasolio sono stati sequestrati. La droga era completamente sommersa nel carburante (circa 400 mila litri di gasolio) della nave 'Remus', battente bandiera panamense.

Investigazione Criminalità Organizzata, con il coordinamento e la direzione della Procura della Repubblica - DDA di Palermo, hanno messo a segno un importante risultato grazie a un'articolata operazione di contrasto al traffico internazionale di stupefacenti che si è conclusa con il sequestro di oltre 20 tonnellate di hashish (20.140 kg) probabilmente destinati al mercato europeo.

Ottenuta l'autorizzazione, le imbarcazioni della Guardia di Finanza hanno abbordato la nave e l'hanno scortata fino al porto di Palermo dove è iniziata la perquisizione. I finanzieri saliti sulla nave hanno potuto constatare il comportamento sospetto del comandante della nave e dell'equipaggio, che non sarebbero stati in grado di fornire chiare spiegazioni in merito alle proprie attività in mare ed alla propria destinazione.

Anche l'intervento di una unità medica dell'Azienda provinciale di Palermo, ha consentito il monitoraggio delle condizioni di salute dei finanzieri impegnati nelle operazioni, rese particolarmente difficoltose dalle esalazioni del combustibile.

Trovati, dopo lo svuotamento di due serbatoi di prua contenenti 20 mila litri di gasolio, oltre 650 sacchi di iuta con 20 tonnellate di hashish di 13 diverse qualità. Negli ultimi 4 anni, nell'ambito dell'operazione denominata "Libeccio International", le Fiamme gialle di Palermo hanno sequestrato oltre 139 tonnellate di droga, per un controvalore stimato in oltre 1,4 miliardi di euro. "Il Mar Mediterraneo - sottolinea la Finanza - si conferma uno dei bacini mondiali maggiormente interessati dai traffici illeciti". In questo scenario la Guardia di Finanza svolge il suo ruolo esclusivo di "polizia del mare", integrando il dispositivo aeronavale costiero con quello di altura, tanto per il controllo delle frontiere esterne con le attività di esplorazione aeromarittima condotte in acque internazionali, quanto per la difesa degli interessi economico-finanziari del Paese e dell'Unione Europea.