Aeronautica Israele ha attaccato più di 100 obiettivi nella striscia di Gaza

Regolare Commento Stampare

L'esercito israeliano, che non ha rilasciato dichiarazioni, ha riferito che nel 20mo venerdì di proteste un carro armato ha sparato proiettili a una postazione di Hamas dopo che i palestinesi avevano lanciato ordigni e pietre contro le forze di stanza vicino al confine. Undici i feriti in Israele, tra cui una donna in condizioni serie.

Israele dice di aver colpito oltre 140 obiettivi a Gaza in risposta al lancio di oltre 150 missili dalla Striscia a Israele: 25 sono stati intercettati da Iron Dome, il sistema di difesa missilistico israeliano, mentre gli altri sono caduti nel sud di Israele. Secondo la stampa locale, i miliziani hanno aperto il fuoco sui soldati dello Stato ebraico, provocando la reazione dei militari.

"Se necessario - ha aggiunto - i residenti delle comunità confinanti con la Striscia saranno evacuati". Ulteriori misure sono state prese per la popolazione delle aree intorno a Gaza. Il maggior danno è stato causato dal primo razzo caduto nella città di confine di Sderot, dove il missile ha colpito la casa e almeno due israeliani sono rimasti feriti. La nuova fiammata di guerra è cominciata ieri sera con i primi tiri da Gaza verso il sud di Israele che si sono intensificati durante la notte.

"Siamo pronti ad avviare la più ampia operazione militare che si sia mai vista a Gaza", aveva affermato una fonte di alto livello dell'esercito israeliano a Ynet.com, riferendosi all'escalation delle violenze tra Hamas e Israele. Hamas aveva preannunciato che avrebbe risposto all'uccisione da parte di Israele di due suoi militanti nei giorni scorsi. Dopo aver ricordato i recenti, ed ancora in atto, sforzi congiunti tra Onu ed Egitto per arrivare ad una intesa, Mladenov ha fatto appello alle parti di fermarsi e di riportare la calma.