Perseidi, tornano le stelle cadenti di agosto. Ecco come vederle

Regolare Commento Stampare

Dopo il meraviglioso spettacolo dell'eclissi lunare più lunga del secolo, ad agosto, come ogni anno, sarà possibile ammirare le stelle cadenti nella notte di San Lorenzo.

Conto alla rovescia per la notte delle stelle di San Lorenzo, che quest'anno si annuncia straordinaria, perché lo sciame di meteore avrà condizioni di visibilità ideali, grazie alla complicità della Luna nuova e del cielo sereno in gran parte d'Italia.

La maggiore concentrazione di meteore si potrà osservare tra il 12 e il 13 agosto, nelle ore che precedono l'alba. Anche nei giorni successivi al 12 agosto le stelle cadenti continueranno a cadere. Lo sciame delle Perseidi è originato dalla cometa Swift-Tuttle, scoperta nel 1862 e l'ultimo passaggio risale al 1992. Non serve strumentazione particolari: le meteore possono essere osservate a occhio nudo.

Inoltre, la frequenza di meteore visibili dipende anche da altri fattori, a esempio da come la Terra attraversa la nube di polveri che le ha generate: "se la centra in pieno o se la sfiora e se questo capita in pieno giorno o di notte". Quando i frammenti cadono nell'atmosfera, a velocità di circa 60 chilometri al secondo, bruciano e producono le caratteristiche scie luminose. Ad associare a questa notte il nome "Notte di San Lorenzo" fu la tradizione legata al martirio del vescovo Lorenzo per ordine dell'imperatore Valeriano nel 258 dopo Cristo.