Arabia Saudita e Canada, nervi tesi

Regolare Commento Stampare

Riyadh ha congelato tutti i rapporti commerciali e gli investimenti con il Canada, espellendo l'ambasciatore dall'Arabia Saudita e richiamando il proprio rappresentante diplomatico dalla sede nordamericana. Ma il principe Mohammed ha anche chiarito che non accetterà critiche esterne alle decisioni chiave, una posizione che secondo gli analisti potrebbe minacciare i flussi di capitale di cui l'Arabia Saudita ha bisogno per il suo processo di cambiamento. L'ambasciatore canadese deve lasciare l'Arabia Saudita entro 24 ore, probabilmente perché il ministro degli Esteri canadese e il dipartimento del governo per gli affari esteri hanno criticato gli arresti nel Regno saudita. Lynn Maalouf, direttore di ricerca in Medio Oriente di Amnesty International ha commentato: "Questo livello senza precedenti di persecuzione dei difensori dei diritti umani in Arabia Saudita è un segnale inquietante del fatto che la repressione è lungi dall'essere conclusa", riporta Repubblica, sottolineando che "la nuova leadership dell'Arabia Saudita sotto il Principe ereditario Mohammad bin Salman ha eliminato ogni spazio per la difesa della libertà".

Tra gli attivisti detenuti c'è Samar Badawi, che già in passato era stata incarcerata e presa di mira dalle autorità saudite.

Il 2 agosto, Chrystia Freeland, la ministra degli esteri canadese, aveva detto di essere "molto preoccupata per l'arresto di Samar Badaoui", una militante per l'uguaglianza tra i generi, fermata la scorsa settimana insieme alla collega Nassima al-Sadah. "Per le relazioni tra i due paesi, è inaccettabile", aveva dichiarato. Il governo saudita ha detto di considerare quella del Canada una "aperta e sfacciata" interferenza nei suoi affari interni. Ad aprile, anche il premier canadese Justin Trudeau aveva espresso la sua "grave preoccupazione" per l'incarceramento di Raif Badawi. La moglie del blogger, Ensaf Haidar, ha ottenuto asilo in Canada, dove vive in Quebec con i tre figli di 14, 13 e 10 anni. Inizialmente non era chiaro se l'ambasciatore Dennis Horak si trovasse attualmente in Arabia Saudita.