MotoGp Yamaha, Rossi "A Brno abbiamo provato qualcosa di nuovo"

Regolare Commento Stampare

E a quel punto è difficile tenere il ritmo degli altri big.

Ad accompagnare il Dottore nella seconda parte della stagione 2018 ci sono due nuovi cani, due golden retriever americani che evidentemente hanno preso il posto dei due suoi storici bulldog, Cesare e Cecilia. Ho dei rimpianti perché sono in forma, sto guidando bene, facciamo un bel lavoro nel box, ma continua a mancarci accelerazione quando la gomma inizia a scivolare; quando c'è il calo accusiamo troppo spin: "per salire sul podio avremmo avuto bisogno di un regalo". Con la gomma che scivolava ho perso parecchio, ma ho battuto Crutchlow con un sorpasso all'ultima chicane e ho così conquistato 2 punti utili... "Però lui stava controllando e alla fine loro sono riusciti a fare quei tempi, mentre io invece no". "Io sto facendo il massimo, però non basta". Di sicuro è stato un weekend difficile.

Domani ci sarà un test importante, sempre a Brno, nel quale però la Casa di Iwata pare che abbia portato meno novità del previsto per la M1: "Mi aspettavo di avere qualcosa in più domani, ma c'è qualche piccolo dettaglio". Il pilota Movistar Yamaha MotoGP ha chiuso la gara in quarta posizione pagando un certo distacco, specialmente tecnico e prestazionale, nei confronti dei rivali Honda e Ducati. Però stare dietro a lottare per arrivare quinto non ti offre le stesse motivazioni che alzarti alla domenica pensando di poter vincere.