Cassano: "Juventus come Bolt: può chiudere il campionato a febbraio"

Regolare Commento Stampare

"Mi alleno per rientrare. - ha affermato - Ho ricevuto tante offerte, squadre di A e di B, per ora non mi hanno convinto". Io sto bene, non ho mai avuto infortuni seri. Ma chi avrà il coraggio, chi vorrà puntare anche un solo euro su uno il cui futuro è già alle spalle, un bad boy che in carriera ne ha combinate di ogni, un ex campione (potenziale) che non assaggia i campi della Serie A dal maggio del 2016? Carolina e i miei figli mi hanno cambiato, ora sta a me dare il buon esempio. "A un certo punto mi scese la catena e me ne andai urlando verso Trapattoni che m'ero rotto non dico cosa, perché io mi sentivo titolare". "Non vado dove si parte per non retrocedere, dove non c'è un progetto".

Alessandro Moggi sta facendo un grande lavoro e mi ha trovato tante squadre.

Quanto ai dubbi sulla sua forma fisica, Cassano gli spazza via senza esitazioni: "Adesso sono 82 chili", - ha rivelato - record assoluto. Di solito arrivavo in ritiro a 85-86 e giocavo a 83-84. Salvo una volta che superai quota mille.

In questo pazzo calciomercato, che ha visto la realizzazione delle trattative più difficili, con colpi di scena all'ordine del giorno, proprio il più "pazzo" dei calciatori è ancora in cerca di squadra. È la mia scommessa: se a giugno la squadra sarà soddisfatta, contratto di altri due anni, altrimenti me ne torno a casa e mi metto a studiare da diesse. Oppure "Bologna, Sassuolo, Parma, Torino. Se a settembre, ottobre sono ancora così, mi iscrivo al Corso di Coverciano, voglio rimanere nel calcio". "Sono tutte due o tre anni indietro rispetto alla Juve". Mi serve solo l'occasione giusta.