Il miracolo di Isabela al Meyer:ricostruito l'intero intestino

Regolare Commento Stampare

L'intervento, svolto dall'Unità di Ricostruzione Intestinale del Meyer guidata dal professor Antonino Morabito, è stato eseguito con la tecnica ricostruttiva ad alta specializzazione chiamata "Spiral intestinal lengthening and tailorilng". Difficile contenere l'orgoglio per l'impresa sostenuta: una bambina di 13 anni avrà un futuro al contrario di quanto previsto da professionisti internazionali e lo stesso potrà essere garantito a tanti altri pazienti. Purtroppo la ragazzina è stata sottoposta ad un delicato intervento di ricostruzione intestinale che è durato 6 ore e che le è costato circa 3000 punti di sutura, Ma alla fine le sue dita si sono alzate in segno di Vittoria confermando che tutto effettivamente è andato per il meglio. Alla bambina è stato ricostruito l'intestino restituendogli un diametro adeguato e una motilità normale.

La piccola paziente è giunta in Italia dal Brasile dopo aver subito due operazioni non andate a buon fine.

Per arrivare a questo il team ha dovuto rimuovere un segmento di intestino precedentemente trattato ed eliminare grappette metalliche risalenti ai precedenti interventi. Successivamente i medici hanno "disteso" l'intestino recuperando in lunghezza e riportandone il diametro a una dimensione normale. "Il suo intestino aveva perso completamente la peristalsi (ovvero la motilità) e si era dilatato tantissimo con il risultato che qualsiasi cosa mangiasse finiva per 'stagnare', fermentando, con gravi conseguenze e il rischio di complicanze gravi". Questa scelta si è rivelata vincente visto che la struttura fiorentina è l'unica a livello europeo specializzato in questo tipo di intervento.

La bambina è stata seguita da un team multidisciplinare del quale fanno parte, oltre ai chirurghi, anestesisti, gastroenterologi, dietiste, pediatri e psicologhe del Meyer.

Il prof. Antonino Morabito è il massimo esperto europeo di chirurgia addominale ed è entrato in servizio al Meyer a maggio, dopo una lunga carriera al Royal Manchester Children's Hospital (UK), dove è stato direttore del Dipartimento pediatrico di chirurgia rigenerativa intestinale e riabilitazione.