Rai, la Commissione Vigilanza boccia Foa

Regolare Commento Stampare

La Vigilanza Rai, riunitasi questa mattina, ha bocciato la nomina di Marcello Foa per la presidenza della Rai. Diversi esponenti di Forza Italia hanno sottolineato che non hanno personalmente nulla contro la figura di Foa e il suo profilo, ma solo contro il metodo usato per nominarlo. L'atteggiamento "collaborativo" del partito di Giorgia Meloni in commissione - ha votato, al contrario delle altre minoranze - potrebbe essere un seme da coltivare. La maggioranza giallo-verde può contare sulla carta su 21 voti (14 del Movimento Cinque Stelle e 7 della Lega), più 2 di Fratelli d'Italia, che non bastano, dunque, a ratificare la nomina del presidente. "Attendo con rispetto il voto della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai".

"Il Patto del Nazareno regge soprattutto sulla Rai: Fi e Pd non ritirano la scheda e bocciano #FoaPresidente".

"Da Forza Italia c'è stata una prova di forza, una scelta politica, non sul profilo di #FoaPresidente le cui qualità come giornalista libero e corretto sono note".

"Siamo dispiaciuti dell'asse Pd-Fi che cerca di fermare il cambiamento, sia del Paese che della Rai".

Ma Forza Italia risponde chiudendo la porta: l'indicazione è che l'iter deve ricominciare da zero.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.