Formula 1, l'ottimismo di Vettel: "La Ferrari c'è e farà bene"

Regolare Commento Stampare

"Credo che tutto sia iniziato in conferenza stampa, non so dove, per me è tutto passato e non sono per nulla interessato".

Sensazioni particolari. E' questa l'espressione ricorrente in questo weekend in Germania, sul mitico tracciato di Hockenheim, in casa Ferrari. Ora dobbiamo vedere cosa troveremo e cosa ci manca, forse qualcosa sul giro secco, ma possiamo migliorare. Nel secondo crono sono stato più cauto. "La monoposto oggi è andata bene, è stato un venerdì normale per noi", ha affermato Vettel al termine delle Libere 2 di oggi. E poi sono nato e cresciuto a mezz'ora da qui.

Una gara, storica e fondamentale per questo sport, che sembra ormai giunta al capolinea, malgrado continui a riscuotere un gran seguito, che però non garantiscono all'impianto le entrate necessarie per sostenere gli enormi costi per organizzare questo tipo di evento. Posso dire sono molto differenti.

È MEGLIO KIMI "Non conosco molto Charles, ma Kimi è nordico e Charles frances. scusate monegasco!" Ricordo di essergli andato addosso in pista qualche volta, ma abbiamo risolto. E' bello lavorare con lui e credo sia una cosa positiva anche per il team. Il finlandese della Mercedes ci ha messo del suo, chiudendo un giro incredibile che però gli è valso solo la seconda posizione. "Vedremo come andranno le cose in gara". Tuttavia, il tedesco sottolinea che "non spetta a lui decidere". È un ragazzo eccezionale, è veloce e ha tutto. "Io so dove correrò l'anno prossimo ma penso che sia Kimi che Charles sarebbero adatti a correre con la Ferrari nel 2019".

Parole chiare, chiarissime, quelle di Vettel, che in questo modo lancia anche un segnale forte al team, in quanto senza giri di parole esprime tutto il suo gradimento per Kimi, e invita a mantenere inalterata la line-up, per favorire la stabilità all'interno della squadra, e per dare più tempo a Leclerc per fare esperienza e migliorare.