Fabrizio Palermo, chi è il nuovo amministratore delegato di Cdp

Regolare Commento Stampare

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato della Cassa depositi e prestiti. Lo si apprende da fonti ministeriali, anche se manca ancora l'ufficialità.

Il vicepremier Di Maio ha commentato l'accordo raggiunto, definendola "un'ottima notizia". "Non ci stiamo contrapponendo a lui, stiamo discutendo sulla governance complessiva della Cassa perché deve garantire il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo posti nel Contratto di Governo". "Sono temi delicati e secondo noi è importante fare delle scelte adeguate all'obiettivo e alla mission".

Esperienza professionale iniziata Oltremanica per Palermo, come financial analyst nella divisione Investment Banking di Morgan Stanley a Londra, dove si è occupato di operazioni di collocamento azionario e obbligazionario, acquisizione, dismissione, fusione e creazione di joint ventures per i principali gruppi finanziari ed industriali italiani ed europei. L'intesa su Palermo, attuale direttore finanziario della Cassa, è arrivata oggi dopo un lungo braccio di ferro fra Lega, M5s e il ministro dell'Economia, Giovanni Tria. Dal 1998 al 2005 ha lavorato come consulente strategico in McKinsey, dove si è specializzato in operazioni di risanamento e rilancio per grandi gruppi industriali e finanziari italiani ed europei. Poi, nel 2005, diventa Direttore Business Development e Corporate Finance per Fincantieri, svolgendo sin dal suo ingresso un ruolo chiave nel percorso di riorganizzazione e turn around dell'azienda, trasformando cosi il gruppo nel leader occidentale del settore per dimensione e diversificazione di prodotto. Resta consigliere di Fincantieri e tra gli altri incarichi fa parte anche del consiglio del fondo Atlante, il fondo lanciato per salvare le banche in difficoltà. Da lì prosegue la scalata e arriva a ricoprire la carica di vicedirettore generale dal 2011 al 2014 e di direttore finanziario dal 2006 al 2014.