Truffa online con nome Enel, azienda: attenzione

Regolare Commento Stampare

Al momento pare che il giochetto illecito di phishing sia stato fatto in Veneto, in provincia di Vicenza e Treviso, dove alcuni cittadini si sono visti recapitare dei messaggi, inviati da una società (che millanta di essere parte del gruppo Enel) che comunica al cliente-preda di aver pronto un rimborso per lui. I messaggi presentano la comunicazione di un falso rimborso. In realtà, l'Enel non ha nessun bisogno di carta di credito perchè un eventuale rimborso lo unirebbe alla bolletta successiva. Nel corpo della mail, un link che reindirizza a siti di phishing, ovvero che tentano con l'inganno di agganciare gli utenti per carpire informazioni sensibili come quelle bancarie.

Si tratta, come denuncia la stessa azienda italiana, di un tentativo di raggiro volto alla sottrazione illecita di dati personali e di dati relativi a carte di credito e debito afferenti a diversi circuiti internazionali (Visa, Mastercard, Maestro, Paypal). Né il Gruppo Enel né società incaricate hanno inviato mail che informano il cliente di un credito da riscuotere per la sua fornitura e che invitano a collegarsi al link presente nella mail.

Il consiglio è quindi di non cliccare mai su questo tipo di e-mail e di segnalare alle forze dell'ordine quanto accaduto: la cosa migliore è fare uno screenshot della mail per poter fornire tutti i dati agli agenti e poi cancellare dal proprio pc la mail truffaldina.