Sciopero Ryanair: oltre 600 voli cancellati tra 25 e 26 luglio

Regolare Commento Stampare

La compagnia low cost conferma l'annunciato sciopero del personale di cabina per mercoledì 25 e giovedì 26 luglio e annuncia la cancellazione di 600 voli. "Fino a 200 voli giornalieri" saranno annullati da e per la Spagna, "50 da/per il Portogallo e 50 da/per il Belgio", ha chiarito Ryanair in una nota. Ad annunciarlo è la stessa società, la quale prevede che almeno 50mila passeggeri al giorno (100mila nei due giorni di sciopero) resteranno bloccati negli aeroporti di partenza. Al momento, Ryanair riconosce solo i sindacati che rappresentano il suo personale (piloti e personale di bordo), fatta eccezione per l'Italia dove a inizio giugno la compagnia ha riconosciuto due sigle sindacali, l'Anpac e l'Anpav, una novità assoluta per questa categoria di dipendenti. Ryanair, comunque, afferma di aver offerto ai 100.000 passeggeri interessati "l'opportunità di essere riassegnati su un volo alternativo operante entro i sette giorni prima o dopo il 25 e il 26 luglio". Sono inoltre previsti dei rimborsi completi sui biglietti persi. "Dato che il personale di bordo di Ryanair gode di un ottimo stipendio che arriva fino a € 40.000 p.a. (in Paesi con elevata disoccupazione giovanile), turnazioni ottime (14 giorni liberi ogni mese), grandi commissioni di vendita, indennità uniformi e indennità di malattia, questi scioperi sono completamente ingiustificati e non otterranno altro se non interrompere le vacanze in famiglia e dare un vantaggio alle compagnie aeree concorrenti in Belgio, Portogallo e Spagna" ha dichiarato Ryanair.

Partenze ad alto rischio per chi ha deciso di volare la prossima settimana scegliendo Ryanair.