Iliad raggiunge un milione di utenti

Regolare Commento Stampare

Adesso è il momento di aprire "altri store in altre città d'Italia", ha spiegato in diretta Facebook l'amministratore delegato Benedetto Levi aggiungendo che al momento ce ne sono 140 "ma le code che si formano ci hanno spinto a decidere di aprirne altri".

L'operatore mobile francese iliad è arrivato in Italia lo scorso maggio, promettendo una rivoluzione: poche tariffe, ma chiare, convenienti e trasparenti.

Gli esperti però evidenziano che occorrerà verificare le prossime offerte commerciali di Iliad, in quanto i prezzi attuali a loro avviso non sono economicamente sostenibili nel medio periodo. Ecco qual è la nuova proposta da parte di Iliad per il mercato telefonico italiano.

L'effetto Iliad fa male ai conti degli operatori, ma fa bene ai portafogli degli italiani
Iliad raggiunge il milione di utenti ed estende l'offerta ad altri 200 mila

Una bella sfida che potrebbe rivoluzionare il mercato telefonico italiano.

L'offerta al momento continua ad essere valida per altri 200mila clienti, mossa che probabilmente consentirà ad Iliad di cavalcare il momento d'oro di nuove sottoscrizioni e a tanti altri clienti di non rimanere delusi. "Quello che più mi fa piacere è il passaparola che si è creato tra i primi utenti che si sono fatti portavoce verso parenti, amici e conoscenti". Vi ricordiamo l'offerta di Liad: 5.99 euro al mese per 30 Gb di traffico dati in 4G/4G+, più minuti ed sms illimitati. E quindi tutto il resto se lo divideranno le compagnie restanti. Una trovata geniale che probabilmente Levi ha voluto mettere in pratica per rispondere ai molteplici dubbi dei clienti, e soprattutto, fare chiarezza sui vari problemi che si sono verificati negli ultimi due mesi, da quando il gestore francese ha fatto il suo ingresso nel mercato del Bel Paese. Per esempio non sono supportate le telefonate VoLTE. Offerta allettante e buonissimi presupposti dal punto di vista della copertura, ma come è normale che sia in queste ore sono emerse anche alcune mancanze più o meno gravi. La risposta è risultata vera, e Levi ha aggiunto che per ora non è una priorità sviluppare le app, visto che il sito è molto semplice e accessibile.