Innsbruck: accordo a 3 per ridurre gli sbarchi

Regolare Commento Stampare

Dall'intesa tra Italia, Austria e Germania nasce, secondo il Ministro "un nucleo che dà impulso positivo a tutta Europa per riconoscere il diritto di asilo ad una minoranza di persone che ne ha diritto, ma per evitare la morte di migliaia di persone che non scappano da nessuna guerra". Seehofer tuttavia si è espresso sulla stessa linea di Salvini.

Niente 'tutto e subito' ma idee chiare, concordate con il premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi in mattinata. Dall'incontro con Angela Merkel è emersa "un'ottima apertura per quanto riguarda l'attuazione delle conclusioni che abbiamo condiviso al Consiglio Europeo" sul tema migranti. Penso che finalmente si sia cominciato a lavorare seriamente. "Quindi - ha detto - dovremo lavorarci nei prossimi giorni con lei e con le istituzioni europee".

Merito anche di Matteo Salvini, che mostra orgoglioso risultati del presente, senza andare a caccia dei difetti del passato: "I fattori che ci uniscono sono molti di più di quelli che sono oggetto di discussione".

"Se il modello italiano diventerà europeo - ha detto Salvini - è motivo di orgoglio".

Per evitare i movimenti secondari dei profughi dall'Italia verso Austria e Germania, che rischia di scatenare un effetto a cascata di chiusure di confini interni che manderebbe in frantumi Schengen, minando il progetto dell'Unione alle fondamenta.

Insomma, il fronte dei sovranisti - che al vertice di Innsbruck bevono Tirola Cola al posto della globalista Coca Cola - di facciata regge.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Un grande risultato contro i tanti detrattori che avevano sempre fatto intendere che mai sarebbe potuto cambiare nulla.

Salvini ha annunciato, poi, che chiederà sostegno alle autorità libiche per fare sempre meglio il lavoro, e a quelle internazionali per far sì che l'Italia non venga più utilizzata come "unico punto di arrivo". Infine ha specificato che il suo partito, l'Spd, ha chiesto e ottenuto che entro l'anno sia discussa e approvata in Germania una nuova legge sull'immigrazione. Ma qui di crudele, folle, malato, c'è solo la tratta di esseri umani vista finora.

Intanto, il 19 luglio, a Vienna ci sarà un nuovo incontro dell'asse per discutere questa questione.