Thailandia, tutti i ragazzi bloccati nella grotta saranno salvati entro oggi

Regolare Commento Stampare

Il salvataggio dell'ottavo, conclude le operazioni del 9 luglio. Purtroppo, sono rimasti bloccati li dentro per quindici giorni e per noi, sapere che ci sono stati delle svolte positive, è meraviglioso. Ma i primi quattro di loro hanno potuto già abbracciare i loro genitori.

La casa di produzione cinematografica Pure Flix Entertainment intende ottenere i diritti per una pellicola sulla missione di salvataggio dei baby claciatori e del loro coach, secondo quanto annunciato via Twitter da Michael Scott, managing partner della società, che vive in Thailandia part-time e che è stato testimone sul posto delle operazioni per salvare i ragazzi. E magari mangiare l'ormai famoso pollo fritto con il riso al basilico dolce che tutti hanno chiesto di mangiare. All'interno della grotta dunque rimangono solo due persone, ma per tutti il ritorno all'aria aperta è previsto in giornata. Sono stati giorni di grande tensione, speranza e paura per le sorti degli sfortunati ragazzini e del loro imprudente accompagnatore; grazie all'intervento dei Navy Seals thailandesi, dei sommozzatori, degli ingegneri, dei medici e dei volontari accorsi da diversi Paesi per dare il proprio contributo all'operazione di salvataggio. Le autorità hanno deciso di aspettare la fine del recupero per comunicarlo ufficialmente alle famiglie.

Mentre i ragazzi ritornati all'aria aperta tra domenica e lunedì sono in graduale ripresa, uno di quelli recuperati ieri presenta lievi sintomi di polmonite. Che però si traduce in una 'tortura', si sfoga una mamma. Come ieri, appena riemersi sono stati assistiti all'ospedale da campo, per poi essere trasferiti in elicottero all'ospedale di Chiang Rai.

I quattro usciti oggi sono in condizioni ancora migliori di quelli tirati fuori domenica, quando per uno di loro si era parlato di situazione 'seria', anche se non di pericolo di vita. Con il passare del tempo era anche diminuito il livello di ossigeno nella cavità asciutta dove si trovavano i ragazzi. Oggi comunque, nonostante la pioggia battente della sera precedente, le condizioni sul terreno sono praticamente rimaste immutate. E invece una squadra internazionale di soccorritori ce l'ha fatta. "Tutti i 13 cinghialotti sono ora fuori dalla caverna" hanno scritto su Facebook i Navy seal thai. Che dovrebbe essere l'ultimo a uscire, concludendo l'odissea.