Italia, Draghi al nuovo governo: "Finora solo parole"

Regolare Commento Stampare

"In tempi di accresciuta incertezza globale, è più che mai importante che l'Europa resti unita".

Tipicamente, la forward guidance della BCE è stata Delfica (come l'oracolo di Delfi ha "bisbigliato" le sue aspettative circa il percorso più probabile della politica monetaria in futuro, più indicare un impegno ferreo), condizionata (subordinando le possibili azioni di politica monetaria a stati qualitativi dell'economia), e in diversi momenti sia aperta ("per un periodo prolungato di tempo") sia basata sul calendario ("almeno fino all'estate del 2019"). "La nostra fiducia sulla dinamica dell'inflazione sta anch'essa aumentando", ha detto Draghi, assicurando comunque che "la fine attesa degli acquisti netti di titoli a dicembre 2018 non significa che la nostra politica monetaria cesserà di essere espansiva". Si limita a prendere atto che finora ci sono stati annunci, e che le parole sono "cambiate", probabile riferimento alla sterzata data dai partiti della maggioranza a proposito della permanenza dell'Italia nell'euro. Quanto ai rischi al ribasso per le prospettive di crescita, secondo Draghi "riguardano principalmente la minaccia di un maggiore protezionismo: un'Unione europea forte e unita può aiutare a cogliere i benefici dell'apertura economica". Chiedo all'Unione Europea un supporto al multilateralismo e al commercio globale, capisaldi della crescente prosperità economica negli ultimi sette decenni. E getta acqua sul fuoco anche sui timori che la fine del quantitative easing possa avere un impatto pesante su un Paese ad alto debito come l'Italia. Così il presidente della Bce, Mario Draghi, durante il suo intervento al Parlamento europeo.

"Non dovremmo essere frenati dalla distinzione tra riduzione del rischio e condivisione del rischio", spiega Draghi. La prova del nove saranno i fatti.

Nel merito di questi possibili provvedimenti evita, al momento, di esprimersi il Presidente della Bce. "Abbiamo visto la reazione dei mercati alla nostra decisione ed è stata tutt'altro che drammatica". ha aggiunto Draghi.