Sanità, De Luca risponde al ministro Grillo: "Sono un pacifico combattente"

Regolare Commento Stampare

Il consigliere regionale dei Verdi che ha denunciato l'accaduto, Francesco Emilio Borrelli, ha chiesto il pungo duro nei confronti dei responsabili.

Secondo la denuncia di ieri del consigliere regionale dei Verdi e componente della commissione Sanità, Francesco Emilio Borrelli, il reparto "è stato chiuso con dimissione di tutti i pazienti nella notte tra venerdì e sabato scorsi per consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa organizzata in un locale a Pozzuoli dal neo primario per celebrare il nuovo incarico".

Borrelli ha contattato a riguardo, per conferma, il direttore dell'Asl Napoli 1, Mario Forlenza, ed il direttore sanitario dell'Ospedale del Mare, Giuseppe Russo.

Il ministro sta ora proseguendo la sua visita nell'ospedale del Mare, al centro della vicenda del reparto chiuso in concomitanza con la festa per la promozione del nuovo primario.

"Per un attimo ho pensato che fosse una fake news - commenta - Poi ho scoperto che purtroppo sarebbe andata proprio così".

"Sono un uomo di pace, non vedo materiale per polemiche con il ministro Grillo, con il quale ho avuto un incontro cordiale".

Il direttore generale della Asl NA1 fa sapere di aver informato oggi il primario della sospensione "per motivi cautelari con riferimento a notizie riferite da più parti" attraverso whatsapp in attesa domani della formalizzazione del provvedimento. In realtà il termine c'è: fino a quando "saranno portati a termine tutti gli accertamenti del caso". Forlenza aggiunge anche di aver convocato per domattina il dottor Pignatelli. La questione riguarda il reparto di Chirurgia Vascolare del nuovo Ospedale del Mare. "Lui stesso ha riconosciuto che l'errore è stato non chiedere" dice Forlenza. "Pignatelli ha riferito che nessuno ha subìto danni - sottolinea - ma ci sono quelli di immagine che abbiamo subito a fronte di un lavoro faticoso e durissimo che stiamo facendo per far funzionare al meglio l'Ospedale del Mare". "Qualora saranno accertate anche le loro responsabilità - assicura Forlenza - saranno presi provvedimenti anche per loro".