Cemento e mattoni, De Vrij subito al lavoro: "Serve un muro? Taaaac!"

Regolare Commento Stampare

Inevitabile un riferimento alla Lazio, soprattutto a quell'ultima e decisiva partita per la Champions giocata contro l'Inter che sapeva essere già la sua futura squadra: "Alla Lazio aveva comunicato la mia scelta già da due-tre settimane". Ho scelto l'Inter per la fiducia che la società ha avuto in me, mi hanno voluto fortemente e mi ha datò tanta soddisfazione.

Il nuovo acquisto dell'Inter Stefan de Vrij ha risposto alle domande dei giornalisti presenti al centro sportivo di Appiano Gentile per la sua conferenza stampa di presentazione. Mi è dispiaciuto per l'ultima partita ma tutti quelli che mi conoscono non hanno dubbi sulla mia persona e serietà. Nessuna preoccupazione per Cristiano Ronaldo alla Juventus: "Per il calcio italiano è bellissimo - ha concluso - ma io sono concentrato sull'Inter". I colori mi piacciono tanto, tutti mi dicono che il nerazzurro mi sta molto bene. E allora meglio pensare oltre, staccarsi dal passato e concentrarsi sulla nuova avventura all'Inter. "Credo nel progetto e con la squadra abbiamo le stesse ambizioni, sono convinto di aver fatto la scelta giusta". "Con loro ci siamo salutati con affetto poi, e fatti un in bocca al lupo reciproco". "Se mi guardo allo specchio ho fatto quello che ho potuto fino all'ultimo minuto come sempre".

"Non ho preferenza, l'anno scorso ho giocato a tre ma prima ho sempre giocato a quattro e mi trovo bene con entrambe, dipende dal mister".

Provo ad essere un esempio, come lavoro, cerco di essere positivo e sorridente.

UN COMPAGNO CHE MI HA IMPRESSIONATO - "Non c'è un giocatore in particolare, mi piace stare qua in ritiro con i miei compagni per conoscerli perché è importante per fare bene come squadra".

Che ti ha detto Spalletti? "L'obiettivo per la stagione è far bene in tutte le competizioni -prosegue-".

"Ormai è passato, non si può tornare indietro, è andata come è andata". E' andata come è andata.