Grotta Tham Luang, tutti fuori tranne l'allenatore

Regolare Commento Stampare

Uno dei Navy Seal thailandesi, che assieme a decine di altri sub provenienti da altri Paesi, hanno portato fuori i ragazzi, ha perso la vita per la carenza di ossigeno nelle cavità ma la macchina dei soccorsi non si è mai fermata. Chiusi nell'equipaggiamento e fatti sdraiare su una lettiga, sotto stati trasportati fino all'uscita dai Navy Seals, accanto a loro. Quella calma secondo anche i soccorritori è stata una delle chiavi della loro sopravvivenza e si deve tutto al loro giovane allenatore.

Come nei giorni scorsi l'ostacolo principale è la pioggia: le pompe continuano a drenare l'acqua dai cunicoli nei quali, tra ieri e domenica, sono già passati i primi otto ragazzini accompagnati dai sub del team internazionale.

Negli ultimi giorni anche fuori dalla grotta si respirava una sensazione di cauto ottimismo, in vista della conclusione dell'operazione, anche se tra le famiglie si percepiva ansia e angoscia: nessuno dei genitori sapeva infatti se tra i tratti in salvo vi fossero, o meno, i propri figli. L'attesa per la festa per riportare a casa tutti si è conclusa oggi. A darne notizia è stato il responsabile dei soccorsi, Narongsak Osatanakorn.

E' finito l'incubo per i ragazzi e il loro coach, rimasti intrappolati nella grotta di Tham Luang, in Thailandia. L'uomo aveva 37 anni e, in quanto ex marines, era esperto. Due avrebbero un infezione polmonare ma tutto sommato stanno bene. E qualcuno ha già potuto mangiare. Adesso altri tre e mancano solo due persone.

Jesada Chokdumrongsuk, vicedirettore generale del ministero della Sanità pubblica, ha precisato che: "I bambini sono calciatori, quindi hanno un sistema immunitario alto". "Tutti sono di buon umore e sono felici di uscire, ma ci sarà uno psichiatra per valutarli". Dopo essere stati localizzati il 2 luglio, isi temeva che per portarli in salvo ci volessero almeno due mesi. Oggi i recuperi sono stati però cinque, con quello dell'allenatore. Soccorritori è autorità confermano che l'obiettivo è di salvare anche l'ultimo gruppo entro le prossime ore: le operazioni sono cominciate all'alba di martedì 10.