DIRETTA Mondiali 2018: i quarti in tempo reale

Regolare Commento Stampare

I quarti di questo Mondiale me li vedo a Santarcangelo di Romagna, non sul maxischermo di Piazza Ganganelli o in osteria ma sul mio telefonino, i giocatori sono piccoli ma intanto posso scorrazzare tra gli spettacoli del Festival Internazionale di Teatro. E così, è stato decisivo l'errore di Mario Fernandes, che si è fatto prendere dal nervosismo e ha calciato fuori, passando da eroe a fautore dell'eliminazione: decisiva anche la fortuna che ha ribadito in rete il rigore calciato malissimo da Modric dopo un rimpallo, e la freddezza glaciale di Rakitic, che non ha sbagliato il quinto e ultimo penalty. Tutti ricordano gli exploit delle squadre casalinghe ai propri Mondiali (Corea 2002) per non parlare delle vittorie di Inghilterra e Francia, ma proprio per questo sarà un quarto imprevedibile. Su ogni pallone arrivano sempre primi i russi, la pressione quando la Croazia prova ad impostare è altissima e lo stadio di Sochi è a dir poco una bolgia.

Per spirito russofilo e coerenza col titolo della rubrica, vado a farmi due shot di vodka alla performance di Asia Giannelli, c'è un blocco di ghiaccio che il pubblico rompe scoprendo una proiezione e bicchierini per raccoglierlo e vodka a fiumi.

Triplice fischio di Ricci: la sfidante dell'Inghilterra si deciderà ai calci di rigore. Il madridista è una furia e la Croazia ora prende in mano le redini della gara.

La sfida che due popoli interi stavano aspettando da tantissimi anni. Nel miglior momento dei padroni di casa galvanizzati dal vantaggio. Uno a zero Russia. Si concludono così i tempi regolamentari. Dopo una uscita a vuota di Akinfeev, Perisic ha calciato a botta sicura ma la sua conclusione si è spenta sul palo interno della porta avversaria. Si riscatta con grandi interventi nei calci di rigore.

Ma se quest'edizione dei mondiali è davvero quella delle sorprese, è lecito attendersi ancora qualche colpo di scena. Soffia il vento dell'est anche sulla partita.

Il primo tempo si chiude 1-1. Non lo vedo da un pezzo e mi sembra un ottimo connubio. Tanto basta alla Croazia per rimettere tutto in discussione con il pareggio di Kramaric. Coincidenza perfetta. Alfred Hitchcock le pensava proprio tutte.

Kuzyaev, voto 5.5 - Va progressivamente in difficoltà contro la mediana croata non riuscendo a dare il suo contributo in termini di gioco.

E' la Croazia la quarta semifinalista del Mondiale 2018: ai quarti, ha battuto la Russia 6-5 dopo i rigori. Ne viene fuori una partita accesa, combattuta, equilibratissima con i croati che, forti di una maggior padronanza tecnica, tengono il pallino del gioco ma soffrono la preponderanza fisica dei russi nel reparto offensivo.